Esteri

Elezioni Brasile: Bolsonaro vince ma si va al ballottaggio

Le elezioni Brasile si sono rivelate più chiare del previsto in termini di risultato. Che il candidato di estrema destra Jair Messiah Bolsonaro riuscisse a ottenere una grossa percentuale di voti era già stato previsto, ma nessuno aveva pensato che il brasiliano potesse spingersi a un passo dalla vittoria al primo turno. Nonostante il 46% dei voti, ovviamente, ci sarà bisogno del ballottaggio per stabilire chi tra lui e Fernando Haddad sarà il nuovo presidente dello stato Sudamericano. Ma ormai la vittoria sembra cosa fatta.

Elezioni Brasile: risultato superiore alle aspettative

Molto più di una semplice vittoria quella di Jair Messiah Bolsonaro. Il candidato di estrema destra ha sfiorato la vittoria al primo turno, ottenendo il 46,03% dei voti. I sondaggi collocavano il suo partito al primo posto delle elezioni Brasile, ma nessuno si aspettava che la vittoria potesse avere così tanto margine rispetto al Partito dei Lavoratori. 

Il secondo turno ci sarà il prossimo 28 ottobre, con le due parti che si scontreranno per la presidenza del Brasile: appare, comunque, essere scontato il nome del vincitore delle elezioni.

La distruzione del Partito dei Lavoratori

Le elezioni Brasile hanno visto la vera e propria distruzione del Partito dei Lavoratori che, nonostante andrà al ballottaggio, è crollato fino al di sotto del 30%. Il partito è stato rappresentato dal nome di Fernando Haddad, subentrato soltanto a fine agosto quando non c’era più nessuna possibilità che Lula potesse ricandidarsi.

La distruzione totale del partito è palese a partire da un semplice nome, quello di Dilma Roussef, che non andrà in Senato dopo essere arrivata soltanto terza nel suo paese. E’ la metafora di un popolo che ha deciso di cambiare e rinnovarsi, cambiando totalmente faccia e orientamento.

La politica mirata di Bolsonaro

Quella di Bolsonaro è stata una crescita esponenziale: nelle ultime settimane, anche grazie all’attentato e al silenzio, il candidato di estrema destra ha fatto terra bruciata intorno a sè, riuscendo a guadagnare la maggior parte del consenso elettorale. 

Le modalità con cui la vittoria è stata possibile sono le stesse che rispondono alla tendenza internazionale degli ultimi anni: Bolsonaro ha fatto leva sulla corruzione e sulle difficoltà del paese, tralasciando qualsiasi altro contesto. Facebook, Twitter e Whatsapp sono stati i mezzi di una propaganda mirata, che ha raggiunto quasi la metà della popolazione. In termini numerici, il 46,03% dei voti rappresenta 50 milioni di persone.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.