News

Energia rinnovabile dai fiumi per sostituire il gas

Buone notizie nel campo dell’energia rinnovabile: un sistema a pompe sfrutterà l’acqua dei fiumi e dei laghi in sostituzione del gas

La comunità scientifica da un po’ di anni pone l’accento sugli sprechi mondiali e sulla precarietà delle energia rinnovabileenergie che mandano avanti il nostro pianeta e provvedono al benessere della civiltà moderna. La popolazione è in costante aumento e prima o poi bisognerà fare i conti con l’esaurimento delle energie: una minaccia che negli ultimi tempi sembra parecchio reale.

Per questo motivo le menti più ingegnose dell’umanità sono alla ricerca di un’energia rinnovabile che possa ammortizzare le spesi e lo sforzo comune. In Inghilterra, i recenti problemi in terra russa e la crisi in Ucraina, hanno spinto gli inglesi a cercare una possibile alternativa al gas come fonte energetica di riscaldamento domestico, visto che in tempi futuri potrebbe diventare complicato importarlo dai paesi dell’ex unione sovietica.

Milioni di case in Inghilterra potranno essere riscaldate mediante un’energia rinnovabile senza emissione di carbonio, ricavata dai fiumi e dai laghi del Regno Unito. Un sistema che oltre ad essere più lungimirante per il nostro futuro, permetterà di ammortizzare del 20% la spesa attuale di ogni singolo cittadino.
Ed Davey, segretario dell’energia, spiega:
“Una pompa di calore nel Tamigi fornirà acqua calda per caldaie, docce e rubinetti in oltre 150 abitazioni e in un noto albergo di Londra, consentendoci di risparmiare 500 tonnellate di emissione di anidride carbonica che ogni anno vengono regolarmente rilasciate nell’atmosfera”

Qualsiasi sorgente di acqua, inclusa quella stagnante di una pozzanghera purché  riscaldata dal sole, potrebbe essere adoperata in futuro come energia rinnovabile in sostituzione del normale gas.

Questo sistema è in parte già adottato in Giappone, ma non è stato sviluppato su larga scala perché l’energia così ottenuta non riscalda l’acqua domestica fino alla temperatura richiesta di 45c, rendendola poco adeguata al fabbisogno casalingo.

Come funzionerà il nuovo piano inglese per l’energia rinnovabile

L’acqua viene estratta a due metri sotto la superficie del Tamigi, dove il calore latente del sole la mantiene a una temperatura stabile per tutto l’anno di 8c. Viene quindi filtrata da una pompa che trattiene il calore e reimmette nel fiume l’acqua fredda. Poi, utilizzando un processo di refrigerazione inverso, per mezzo di alcuni condensatori viene portata alla temperatura di 45c e convogliata nelle case limitrofe, così da essere utilizzabile nei bagni domestici, il tutto senza emissioni di carbonio e con un risparmio del 20% sul portafoglio dei cittadini.

Trovare nuove fonti di energia rinnovabile è la missione di tutti gli scienziati del mondo, per limitare al massimo le emissioni di carbonio e la dipendenza dai combustibili fossili. Al momento, sottolinea Ed Davey, questo piano sarà messo in atto solamente su un’area limitata di Londra, ma non ci sono dubbi che in futuro potrà diffondersi su larga scala.
Si spera, naturalmente, che anche in Italia qualcuno possa prendere esempio.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.