Esclusa da concorso canoro perché nera e straniera: ‘Italiani si nasce non si diventa’

By | 16 agosto 2017

Ragazza di colore non ammessa a una gara canora veroneseUn altro presunto episodio razzista in Italia. Una 15enne italiana di origini ghanesi voleva partecipare a un concorso canoro, a Verona, ma sarebbe stata esclusa perché reputata straniera. Eppure la giovane è nata in Italia da genitori residenti nel Bel Paese da oltre 30 anni. Una storia che ha già sollevato innumerevoli polemiche sui social. Dora, 15enne amante della musica e del canto, aveva chiesto spiegazioni su Facebook riguardo al Canta Verona Music Festival. Voleva sapere se avrebbe potuto partecipare o no alla gara. La risposta era stata allucinante e indubbiamente discriminatoria: ‘No!!! Italiani si nasce, non si diventa e si nasce da genitori italiani… Io la penso così ed è riservato solo ed esclusivamente a italiani di fatto. Ci sono anche cinesi con cittadinanza italiana, ma non sono italiani di fatto’. Una replica che si commenta da sola, che ha fatto indignare non poco anche il fratello della 15enne, un ingegnere 24enne.

Le scuse dell’organizzatore della gara canora

L’organizzatore della gara canora, resosi conto dell’errore e del polverone sollevato dalle sue parole, ha chiesto scusa ai microfoni di Repubblica: ‘Ho 42 anni, faccio questo mestiere da 24. Non sono razzista, la mia ragazza è straniera e ho amici di ogni nazionalità. Ricevo tanti contatti su Facebook. Ma come faccio a sapere chi c’è dietro quel profilo? Mi rendo conto di aver sbagliato a scrivere quelle cose, ma non sapevo con chi avessi realmente a che fare. Credevo fosse uno scherzo, una provocazione. Comunque, quella è la mia opinione, non credo di aver commesso un reato. E invece qui mi rovino la vita’.

Il 42enne che ha escluso la 15enne dal concorso canoro veronese ha affermato di aver chiesto scusa anche al fratello dell’adolescente, manifestando la sua volontà di farla partecipare a qualche kermesse futura, visto che non organizza più il Canta Verona. Il 24enne però non avrebbe accettato le proposte del quarantenne, proferendo parole, in un certo senso, minatorie: ‘Ora ti sputtano’.

L’indignazione del fratello della 15enne discriminata

L’ingegnere 24enne, fratello della 15enne originaria del Ghana, ha dichiarato che la problematica non è il credo politico dell’organizzatore del Canta Verona Music Festival ma il fatto che una persona sia stata esclusa perché non cittadina italiana: ‘Lo denuncerò non per vendetta ma per una questione morale che va oltre noi. Se non lo facciamo noi, che siamo qui da 30 anni, chi è in Italia da meno farà altrettanto, portando a un circolo omertoso’.

Quella del 2017 verrà ricordata come l’estate del gran caldo e degli episodi razzisti in Italia. Tempo fa, ad esempio, un ragazzo milanese era stato rifiutato dal titolare di un locale di Cervia, in cui avrebbe dovuto lavorare come cameriere, per via del colore della sua pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.