Fabrizio Corona attacca il pm e reclama un Natale a casa

By | 19 dicembre 2017
loading...

Fabrizio Corona Milano processoMancano pochi giorni, ormai, al Natale e Fabrizio Corona è ancora in carcere. Oggi, 19 dicembre 2017, l’ex paparazzo è tornato in aula, davanti ai giudici, per la storia della somma ingente trovata  sia nella casa di una collaboratrice che nella sua abitazione milanese e in due casse di sicurezza, in Austria. Ancora una volta, Corona ha criticato la pm Alessandra Dolci, rea, secondo lui, di aver presentato ‘una relazione clamorosa in cui sono scritte una serie di bugie clamorose’. Fabrizio ha ribadito che un cittadino non può essere attaccato per cose che non ha fatto.

Fabrizio Corona dice di non avere debiti

‘Siamo in uno Stato civile, non siamo in uno Stato in cui la magistratura può scrivere quello che vuole. Vale per me e tutti i cittadini’, ha esclamato Corona davanti ai giudici milanesi, ribadendo di non avere più debiti col Fisco.

Fabrizio show, di nuovo, durante un’udienza. Il 43enne ha detto ai giudici che, se venisse liberato e gli fosse permesso di tornare a lavorare, guadagnerebbe 5 milioni di euro in un anno. Con tale somma pagherebbe eventuali debiti.

‘Vorrei che alla prossima occasione gli togliesse la parola. Gli atti di cui parla sono noti al Tribunale, che sa leggere’, ha replicato la pm.

Udienza rinviata al prossimo 9 gennaio

La dura replica del pm ha imposto ai giudici di rinviare l’udienza al prossimo 9 gennaio 2018, quando il Tribunale acquisirà nuovi documenti sia dai legali di Corona che dalla Pubblica accusa.

Nulla di fatto, dunque, oggi in aula. Prima di tornare in carcere, Fabrizio Corona ha implorato i giudici di farlo tornare a casa almeno a Natale, per trascorrere un po’ di tempo coi suoi cari.

Dopo aver precisato di aver scontato in carcere un anno e 4 mesi a causa di una storia per cui era già stato assolto, l’ex paparazzo si è rivolto al pm con queste parole: ‘E’ Natale, mi lasci uscire di galera’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *