Fabrizio Corona chiede grazia parziale a Napolitano. Madre: “Ha seri problemi di salute”

0

L’ex  ‘re dei paparazzi’ Fabrizio Corona sta scontando nel carcere di massima sicurezza di Opera la pena di 15 anni di reclusione per estorsione nei confronti di diversi personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo.

Nonostante la condanna della Cassazione, Corona si è sempre sentito un capro espiatorio e vittima della giustizia italiana. Recentemente molti personaggi famosi, tra cui Adriano Celentano si sono schierati dalla parte di Fabrizio Corona, ritenendo ingiusta la sua condanna.

Corona, mediante i suoi legali, ha ufficialmente chiesto la clemenza parziale, ossia la cancellazione dei 5 anni comminati per la presunta estorsione ai danni del calciatore David Trezeguet. Pare che Corona abbia firmato dal penitenziario di Opera una richiesta di grazia parziale inviata al Capo dello Stato Giorgio Napolitano.

Ivano Chiesa, avvocato di Fabrizio Corona, ha chiesto la grazia parziale del suo assistito a Giorgio Napolitano. Molti personaggi famosi, ora, incrociano le dita, sperando che Napolitano conceda la grazia a Corona.

Celentano, lo ricordiamo, chiese a Napolitano di “non inferire su un’anima che sta per risorgere”. Solidarietà a Fabrizio anche da Antonella Clerici, Marco Travaglio e Fiorello.

“Io non posso accettare che mio figlio muoia in carcere, non posso. Non è un criminale. Mettano dentro i veri criminali, allora starò zitta. Fabrizio ha seri problemi di salute, il personale sanitario del carcere ha già suggerito per lui misure alternative, per la sua salute. La condanna per il caso Trezeguet, però, ne impedisce la scarcerazione, come per i mafiosi”, ha affermato Gabriella, madre di Fabrizio Corona, preoccupata per le condizioni di salute di suo figlio.

Leggi anche le altre Notizie di attualità e curiosità di ZZ7 anche su Google News e premi la Stellina cliccando QUI sotto per seguire le News.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.