Falcone spara a Borsellino: deturpato murales dedicato ai giudici antimafia

By | 12 febbraio 2018

Murales-di-Falcone-e-Borsellino-sfregiatoCom’è possibile sfregiare l’immagine di due eroi? Stoltezza, incomprensione, inciviltà o altro? Non può che indignare la foto che ritrae un murales sfregiato, un murales dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. L’affresco era stato realizzato nel 2013 a Milano, sul muro di corso Porta Ticinese, dal graffitaro siciliano Tunus. Il disegno è stato deturpato da vandali. Adesso c’è una pistola rossa in mano a Falcone. Quest’ultimo spara a Borsellino. Una vergogna mondiale. Il popolo del web è indignato per questo gesto di estrema villania, che tra l’altro offende la memoria di due encomiabili giudici italiani che hanno pagato con la vita la loro lotta contro le mafie.

Foto postata su Facebook da Alvise Salerno

loading...

Il magistrato Falcone impugna una pistola e la mette vicino alla tempia di Borsellino, collega e amico trucidato dalla mafia in via D’Amelio. Lo sfregio è stato immortalato da Alvise Salerno, che vive a Milano ma è originario di Palermo. Salerno, dopo aver postato la foto raccapricciante, ha sbottato su Facebook: ‘E’ successa una cosa orrenda. Il murales di Falcone e Borsellino, in corso di Porta Ticinese a Milano, è stato vandalizzato. Qualche idiota ha deciso di disegnare una pistola rossa sulla mano di Falcone, che spara in fronte a Borsellino. Un simbolo, un segno di libertà e giustizia, massacrato brutalmente. Milano, l’Italia intera, non può accettare questi gesti. Dietro un gesto, tanto stupido quanto schifoso, si può nascondere qualcosa di ancora più tragico. Falcone e Borsellino, oggi, sono morti una seconda volta. A ucciderli, sia fisicamente in passato che iconograficamente, degli ignoranti di cui, purtroppo, non ci libereremo mai’.

La targa vandalizzata a Latina

Vandali. Non c’è altro aggettivo per definire le persone che hanno sfregiato di recente il murales di Milano dedicato ai magistrati eroi Falcone e Borsellino. Purtroppo la memoria dei due giudici è stata spesso infangata da soggetti barbari e culturalmente arretrati. A Latina, ad esempio, lo scorso mese era stata vandalizzata la targa in onore di Falcone e Borsellino. L’insegna è posta in un parco intitolato proprio ai giudici antimafia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *