Fast food napoletano regala lauta cena ai piccoli pazienti oncologici

By | 2 luglio 2017

Paninoteca napoletana dona tanti panini a piccoli pazienti oncologiciUn gesto d’amore, un cenno d’umanità che fa bene, fa benissimo a chi lo riceve e alla società perché solo così il mondo migliora e appare più bello. Un fast food napoletano ha recentemente deciso di regalare una lauta cena ai piccoli pazienti oncologici del primo Policlinico di Napoli. I bimbi del reparto di Oncologia pediatrica non dimenticheranno certo il segnale di estrema umanità ricevuto dalla coppia di titolari di una paninoteca, Egidio e Teresa, che non solo hanno recapitato gratis  i panini ordinati ma si sono ‘allargati’, offrendo una cena luculliana. Sorpresi del grande e umano gesto di Egidio e Teresa anche i volontari dell’associazione ‘Diamo una mano Onlus’, che fanno veramente tanto, da anni, per migliorare la vita dei piccoli pazienti oncologici nel Reparto di Oncologia pediatrica.

La storia raccontata dai volontari su Facebook

I volontari dell’associazione ‘Diamo una mano Onlus’ sono soliti organizzare spesso cene nel reparto di Oncologia del primo Policlinico di Napoli perché sanno che ‘l’evento’ rende euforici e contentissimi i bimbi malati di tumore. Sulla pagina Facebook dell’associazione si legge: “Dovevamo solo scegliere cosa mangiare. E allora il nostro gigante ci dice: ‘Chiamiamo Puok, che ha dei panini buonissimi. Io voglio il mammà’. Decidiamo tutti i panini da prendere e inviamo la prenotazione. Viviana, una nostra volontaria, passerà a ritirarli”. Tutti, dunque, in ospedale attendevano i panini prenotati e, invece, è arrivata una cena spettacolare e succulenta, caratterizzata da tantissimi panini, salse di tutti i tipi e patatine a volontà. Tutto è arrivato gratis. Nessuno ha pagato nulla. E’ stato un mero gesto di solidarietà dei titolari del fast food napoletano, che hanno scritto sullo scontrino: ‘Che sia un momento di gioia’.

Su Facebook, i volontari dell’associazione hanno sottolineato che tutti si sono emozionati, davanti a quella cena, non solo perché erano stati inviati il doppio dei panini ordinati e perché tutto era gratis, ma per l’amore con cui era compiuto quel gesto: ‘Si sono superati, hanno offerto panini a più non possono, augurandoci solo di passare una buona serata, perché per loro ieri sera solo quello contava, la gioia dei nostri amici guerrieri…’, hanno scritto i volontari dell’onlus campana su Facebook, ringraziando di cuore Egidio e Teresa perché la loro umanità ha consentito a tanti piccoli malati di sorridere e trascorrere bei momenti mangiando panini gustosi e patatine. La prossima volta, i titolari del fast food napoletano sono attesi nel reparto di oncologia per trascorrere un po’ di tempo insieme a quei bimbi che hanno rasserenato non poco negli ultimi tempi. L’esperienza farà bene senz’altro anche a Egidio e Teresa perché potranno ‘nutrirsi’ dei sorrisi e degli sguardi innocenti di tanti bimbi.

La difficile vita dei piccoli pazienti oncologici

Non è semplice la vita dei piccoli pazienti dei reparti di oncologia pediatrica dei vari nosocomi italiani. Giornate dure anche per i genitori, che spesso devono rinunciare al lavoro per stargli accanto. L’associazione ‘Diamo una mano Onlus’ opera da anni nel reparto di oncologia pediatrica del Vecchio Policlinico di Napoli per alleviare le sofferenze dei bimbi malati e delle famiglie. Non è un gioco da ragazzi, ma i volontari ci provano, e spesso ci riescono. Spesso vengono organizzate cene ‘sui generis’, a base di panini ordinati presso i fast food. La cena di qualche sera fa, però, è stata veramente emozionante. Indimenticabile. Uno dei piccoli degenti aveva detto che i panini del Puok sono buonissimi, quindi i volontari avevano deciso di ordinare i panini presso tale fast food. Poco dopo la splendida scoperta: cena gratis e frase commovente sullo scontrino.

Il Puok Burger Store, paninoteca ubicata al Vomero, è stato inaugurato  circa un anno fa ed ha già fatto breccia nel cuore di tutti gli amanti dei panini. L’episodio della bontà dei proprietari del Puok ha rapidamente fatto il giro del web. Tantissimi i commenti di approvazione del gesto filantropico. L’utente Lino, ad esempio, ha scritto: ‘Grande gesto, la migliore medicina per l’anima……l’altruismo e la generosità!!! Chi vive di questi gesti ha tutto da raccogliere per quello che semina!!! Clonate queste persone che ne abbiamo un bisogno vitale!!!’.

Si fa di tutto, in Campania, per rendere meno difficile la degenza negli ospedali per i piccoli pazienti oncologici. Merito dei volontari ma anche dei medici e degli infermieri. E perché no, delle istituzioni. Questa qui è l’Italia che vince, che batte tutti a suon di umanità e filantropia. Sono degni di lode tutti coloro che, ogni giorno, si prodigano per migliorare la vita dei tanti bambini che lottano contro il tumore. La loro vita non è semplice, come non lo è quella dei genitori. Questi tendono generalmente ad isolare i figli malati, credendo di fare bene. Invece, secondo gli esperti, i piccoli malati devono interagire con i coetanei, con il mondo, in modo da non avere problemi a reintegrarsi  dopo la guarigione. In Italia sono stati avviati, negli ultimi anni, numerosi progetti per migliorare la vita dei piccoli pazienti oncologici e dei loro famigliari, come quelli dell’ASEOP (Associazione Sostegno Ematologia Oncologia Pediatrica).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.