Festival di Roma, Franceschini avverte: “Scordatevi la dicitura Festival Internazionale del Film di Roma”

By | 10 dicembre 2014

Il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, è stato chiaro: “Scordatevi la dicitura ‘Festival Internazionale del Film di Roma’. Il Festival di Roma tornerà ad essere una festa”.

Franceschini ha esternato la sua visione ieri, a margine del summit con il governatore del Lazio, Luca Zingaretti, e il sindaco di Roma, Ignazio Marino. Il Festival di Roma, quindi, in futuro sarà privo di concorso e giuria tradizionale.

loading...

“Il Festival di Roma tornerà ad essere una festa…perderà la parte concorsuale per trasformarsi, da festival in festa. Non esiste nessuna concorrenza o improbabile competizione con la Mostra di Venezia. Sarà l’Istituto Luce Cinecittà e non il Mibact direttamente ad entrare nella Festa del Cinema di Roma”, ha rimarcato il numero uno dei Beni culturali.

Il problema della concorrenza con il Festival di Venezia esisteva già 8 anni fa, quando il Festival di Roma venne creato. Nelle ultime ore il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha accusato il Festival di Roma di essere inutile, consigliando la sua eliminazione. Franceschini, probabilmente, ha fatto tesoro delle parole di Zaia, annunciando il cambio di veste della kermesse cinematografica che si svolge a Roma.

Non va giù, dunque, a molti che Roma si sia intromessa in modo dirompente nel mondo del cinema. Ora il sindaco di Roma, il governatore del Lazio e il ministro dei Beni Culturali stanno decidendo come trasformare il Festival di Roma. Una cosa è certa: non dovrà mettere i bastoni tra le ruote al Festival di Venezia… altrimenti Zaia ed altri s’infurierebbero non poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *