Cronaca

Figlia di Totò Riina intervistata dalle Iene: cosa ha detto?

Maria Concetta Riina, figlia del ‘padrino’ Totò, morto lo scorso 17 novembre 2017, ha rilasciato un’intervista alle Iene che verrà mandata in onda stasera. All’inviato Golla, Maria Concetta dice: ‘Penso che ci sono delle cose che in cuor mio non sono state commesse. Mio padre era un parafulmine’. Le parole di Maria Concetta giungono dopo qualche giorno dalla notizia della commercializzazione, da parte della figlia del celebre mafioso e del marito, di cialde per caffè con marchio ‘Zù Totò’. Cialde dunque in onore del ‘Capo dei Capi’.

‘Non era un mostro’

Dei delitti, commessi e commissionati da Totò Riina, è stato detto tanto e tanto si dirà. Non ci sono dubbi sulla crudeltà del ‘Capo dei Capi’, uomo che aveva, tra l’altro, fatto sciogliere un bimbo nell’acido.

Totò Riina è morto ma i figli e i parenti vivranno sempre nel suo ricordo. Maria Concetta Riina ha spiegato alle Iene che il padre non era il mostro che molti volevano far credere.

Totò Riina usciva con i suoi parenti, si faceva vedere da tutti, salutava tutti, non si nascondeva. Lo ha detto Maria Concetta durante l’intervista rilasciata alle Iene.

Sempre insieme durante la latitanza

‘Io, mio padre, mia madre, e i miei fratelli siamo stati sempre insieme durante la latitanza; non andavamo a scuola, era mia madre a farci da insegnante perché giravamo sempre, di continuo, non ci fermavamo mai. Lui diceva che per il lavoro dovevamo andarcene in un altro posto…’, ha detto la figlia di Totò Riina.

Maria Concetta ha affermato che il padre l’aveva sempre portata in vacanza insieme agli altri familiari. Si andava in macchina e spesso si incontravano i posti di blocco. Nessuno, però, li aveva mai fermati.

‘Nella vita siamo stati magari fortunati per 20 anni, giravamo e non ci fermava mai nessuno’, ha aggiunto la figlia del boss mafioso spirato nei giorni scorsi.

Strage di Capaci: niente brindisi in casa

Una curiosità sulla strage di Capaci: Totò Riina, quando venne a sapere dell’uccisione del giudice Falcone e degli uomini della scorta, era a casa ma non avrebbe brindato con lo champagne.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.