Finge di avere il cancro per divertirsi: Hanna Dickenson in carcere

By | 11 aprile 2018

hanna-dickenson-denaro-cancro-melbourneHa usato i soldi donati per fare la bella vita ed ora è finita in carcere. Hanna Dickenson, 24enne di Melbourne (Australia), ha finto di essere malata di tumore ed ha intenerito tantissime persone, che le hanno donato tanti soldi per curare la sua malattia. Con tale denaro la ragazza aveva fatto viaggi in località esotiche ed aveva partecipato a feste all’insegna di alcol e droga. Tutto alle spalle di persone ignare della truffa. Adesso sono guai per la truffaldina australiana.

Aveva fatto credere che sarebbe morta presto

La Corte di Melbourne ha detto che Hanna Dickenson ha finto di essere malata di cancro, chiedendo soldi per curarsi all’estero sia ai genitori che alle altre persone. La donna, finita in carcere ieri, ha fatto credere di essere malata di leiomiosarcoma, patologia non curabile negli ospedali di Melbourne.

L’allora 19enne australiana aveva impietosito i genitori, residenti a Victoria, facendogli credere che sarebbe morta presto se non si fosse curata. I giudici australiani hanno appreso che proprio i genitori della finta malata andavano in giro a chiedere aiuti finanziari. In un anno sono stati racimolati oltre 47mila euro. Tra le persone altruiste che hanno donato denaro alla Dickenson ci sono anche i vicini di casa, che hanno usato una parte del loro mutuo.

Sono stati proprio i vicini ad accorgersi che Hanna era una truffatrice. Rachel Cue ha raccontato ai giudici di aver visto la ragazza bere alcolici e divertirsi. Un atteggiamento che l’ha fatta insospettire. Quando si è resa conto che Hanna non era malata, Rachel ha rivelato la storia alla Polizia.

Tra le vittime della truffa anche una malata di cancro

Il tribunale ha ascoltato anche una delle vittime 24enne, un’amica di famiglia che aveva terminato da poco una terapia contro il cancro e aveva donato oltre 10mila euro nel 2013.

Il tabloid The Age ha scritto che Dickenson sostiene di essere stata vittima di bullismo a scuola. La 24enne dovrà trascorrere 3 mesi in carcere perché secondo i magistrati avrebbe truffato 7 persone, che le hanno consegnato molto denaro per curare il suo male. ‘Queste sono persone che hanno lavorato sodo e hanno scavato nelle loro tasche… Penso che sia spregevole’, ha affermato nelle ultime ore il magistrato David Starvaggi.

Hanna dovrà trascorrere anche 12 mesi in comunità

I magistrati della Corte di Melbourne hanno detto che la 24enne avrebbe abusato di alcol e droga in passato, nonché tentato di suicidarsi. I giudici hanno stabilito inoltre che, dopo il periodo in carcere, Hanna Dickenson dovrà trascorrere 12 mesi in una comunità: l’aspettano 150 ore di lavoro non retribuito e terapie contro la dipendenza dalle droghe. Sembra che la Dickenson abbia deciso di fare ricorso contro la sentenza.

Tanto denaro ottenuto con l’inganno. Hanna ha sfruttato un male inesistente per incassare denaro. La Corte australiana ha scoperto che una persona ha donato soldi alla 24enne in 4 diverse occasioni. Un donatore si è insospettito quando ha visto le foto della Dickenson su Facebook.

Beverley Lindsay, avvocato di Hanna, afferma che alla sua assistita potrebbe essere risparmiato il carcere poiché ‘ha cambiato la sua vita’. La Lindsay ha paragonato il caso a quello della blogger Belle Gibson, che l’anno scorso era stata multata per aver fatto credere di avere un cancro al cervello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.