Cronaca

Finta cieca fa shopping con disinvoltura: è moglie dell’ammiraglio Treu

finta-cieca-moglie-ammiraglio-treuProbabilmente a Paola Morandi, moglie dell’ammiraglio Paolo Treu e figlia dell’ex banchiere della Banca Commerciale, Giacomo Morandi, non le bastavano i soldi che aveva. Per l’Inps la donna era cieca assoluta, invece i carabinieri hanno accertato che ci vedeva benissimo, riuscendo a concedersi lunghe passeggiate in città e a fare shopping sia al mercato che al centro commerciale. Nessuno si aspettava che una donna del genere, appartenente a un contesto familiare agiato, avrebbe potuto simulare la cecità.

Finta cieca accusata di truffa

Nel 1996 a Paola Morandi venne diagnosticata una malattia degenerativa del nervo ottico (atrofia ottica bilaterale da malattia di Leber) e iniziò a ricevere una pensione di invalidità e un’indennità di accompagnamento pari a 846 euro al mese. La Procura sostiene che la donna avrebbe iniziato ad incassare tale denaro dal 2009.

La Morandi, che vive a Roma, ora è accusata di truffa. Le indagini erano iniziate nel 2013. I carabinieri si erano insospettiti subito perché la moglie dell’ammiraglio Treu non sembrava minimamente in difficoltà quando camminava per le vie della città, facendo altresì shopping come qualsiasi altra persona.

I militari avevano dichiarato che la Morandi, nel mercato rionale, si muoveva con molta disinvoltura, ‘senza urtare le persone o gli ostacoli presenti’. Stesso discorso per gli acquisti al centro commerciale.

Paola Morandi faceva volontariato

Dopo continui accertamenti, i carabinieri avevano steso una dettagliata relazione, di cui riportiamo uno stralcio: ‘Si deduce che Paola Morandi non riunisca i requisiti per poter essere considerata cieca assoluta’. Ora dunque è accusata di truffa. E pensare che di Paola si era parlato molto anche per la sua attività di volontariato: insegnava ai non vedenti a vivere con gli occhi chiusi. Ma come poteva insegnare tutto ciò se ci vedeva benissimo?

Secondo l’accusa, Paola Morandi avrebbe percepito indebitamente l’indennità di accompagno dal luglio 1996. Non finisce qui: il vice procuratore Paola Giordano ha affermato che la moglie dell’ammiraglio Treu avrebbe inviato ‘all’Inps di Roma, che l’aveva convocata per una visita medica a verificare lo stato di invalidità la documentazione nella quale si dava atto, contrariamente al vero, dello stato di cecità assoluta’.

Intascati indebitamente circa 200mila euro

La signora Morandi insomma avrebbe fatto finta per anni di essere cieca, incassando pensione e indennità. Secondo la Procura e l’Inps la finta cieca avrebbe intascato indebitamente 200mila euro circa. Le ragioni che portano certe persone a simulare la cecità sono quasi sempre economiche. Il caso che vede protagonista Carmen, una donna spagnola, è veramente incredibile.

Carmen finta cieca per non essere disturbata da nessuno

Carmen ha finto di essere cieca per 28 anni per evitare tutte le persone che incontrava. La signora spagnola ha vissuto gran parte della sua vita da non vedente. Non voleva essere disturbata da nessuno, neanche dai suoi cari. La signora Jimenéz ha ingannato però anche lo Stato, riscuotendo disonestamente molto denaro.

‘Ero stanca di incontrare gente per strada e fermarmi a salutare’, aveva dichiarato la cinquantenne spagnola che, 28 anni prima, rimase coinvolta in un violento incidente stradale che avrebbe potuto farla restare non vedente per tutta la vita. Carmen si salvò ma decise di raccontare una panzana a tutti per vivere tranquillamente.

‘Non sono mai stata una persona molto socievole e fingere di essere cieca mi ha permesso di evitare molte responsabilità sociali’, aveva aggiunto Carmen, che non aveva ingannato solamente i parenti, gli amici e i conoscenti ma anche lo Stato, percependo disonestamente molti finanziamenti e indennità.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.