Flavio Cattaneo, come lasciare la Telecom ed incassare 30 milioni

By | 24 luglio 2017
loading...

Flavio Cattaneo, buonuscita faraonica per addio alla TelecomPolemiche, in questi giorni, sulla lauta buonuscita di Flavio Cattaneo, che è in procinto di lasciare la Telecom. 30 milioni di euro. Una somma esorbitante che fa venire il mal di pancia a chi non ha un lavoro e a chi lavora sodo per quattro spiccioli. Nessuno mette in discussione l’operato del manager italiano, per carità, ma quando si parla di buonuscite del genere qualche polemica bisogna pure aspettarsela. Lui, comunque, cammina a testa alta. Le polemiche non lo impensieriscono minimamente. Cattaneo avrebbe detto nelle ultime ore ai suoi collaboratori: ‘La cifra che mi verrà attribuita non ha nulla di scandaloso, ho la coscienza a posto. Io sono un professionista e non un normale manager. Chi mi chiama in azienda lo sa e ci si accorda di conseguenza. Non a caso solo il 10% della mia retribuzione in Telecom, 1,2 milioni, è fissa mentre il 90% è variabile e dipende dai risultati raggiunti’. Come dire: ‘Ho risanato il gruppo ed ora batto cassa’. Cattaneo si ritene l’artefice della rinascita di Telecom e per questo non reputa scandalosa la sua buonuscita.

Buonuscita faraonica dovuta a gestione brillante

Tim dovrà fare a meno di Flavio Cattaneo, che giovedì prossimo compierà il suo ultimo atto di gestione dell’azienda, ovvero l’approvazione dei dati trimestrali, da cui emergerà il momento positivo dell’azienda. Lo stesso Ivan Dompè, direttore della Comunicazione Istituzionale di Tim, ha sottolineato che la gestione targata Cattaneo è stata a dir poco positiva, quindi la liquidazione che gli verrà attribuita terrà conto anche, e soprattutto, di tale aspetto.

Telecom ha smentito ogni correlazione tra l’uscita di Cattaneo e attriti col Governo, ricordando che l’amministrazione Cattaneo ha permesso di ottenere risultati positivi anticipatamente rispetto ai piani e questo va riconosciuto all’abile manager, che probabilmente verrà sostituito da Amos Genish. Nulla è sicuro, comunque, riguardo alla futura amministrazione di Telecom.

L’ira della Lega Nord per il compenso spettante a Cattaneo

Sarà, ma un indennizzo di 30 milioni di euro, conseguente alla risoluzione consensuale di un contratto, fa riflettere e non può non generare discussioni. E’ giusto che a Flavio Cattaneo venga riconosciuta una liquidazione del genere? Certamente no per la Lega Nord. Nelle ultime ore, i senatori leghisti Consiglio e Divina hanno espresso la loro indignazione con un comunicato: ‘Disgusto. L’unico commento che ci viene spontaneo per i 30 milioni di buonuscita all’amministratore delegato di Tim Flavio Cattaneo. Ora saranno contenti i signorotti del Pd che lo hanno voluto a Telecom. Meno i dipendenti rimasti’. Gli esponenti della Lega Nord hanno poi sottolineato che una notizia del genere non può essere data ai tanti disoccupati e poveri italiani. Non gli si può dire che una persona, dopo un anno in Telecom, se n’esce con una buonuscita di 30 milioni.

Flavio Cattaneo fa discutere ancora per le somme guadagnate. Molte persone, negli ultimi tempi, hanno fatto i conti in tasca all’ex manager di Ntv. Non si può dire certamente che il 2017 sia stato sfortunato per Flavio, che tra stipendio fisso, bonus ed altre tipologie di retribuzione ha incassato la modica cifra di 15,8 milioni di euro. A questi, a breve, si aggiungeranno altri 30 milioni di buonuscita. Niente male. Pensate che Flavio è così ricco da rinunciare al long term incentive 2017-2017, un emolumento di 7 milioni di euro che ha deciso di devolvere a numerose famiglie in difficoltà dei lavoratori Tim.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *