Foto piccanti agli alunni e proposte indecenti: prof colombiana rischia 40 anni di carcere

By | 19 novembre 2017

Inviava foto piccanti, che la ritraevano senza vestiti, o parzialmente vestita, ai suoi alunni, dicendo loro che sarebbero stati bocciati se avessero consumato rapporti ‘intimi’con lei. Le foto e le proposte erano inviate ai ragazzi mediante WhatsApp. Adesso la ‘focosa’ insegnante di liceo, una certa Yokasta M., rischia una condanna a 40 anni di carcere. La docente di un liceo di Medellin, popolosa città della Colombia, si era invaghita dei ragazzi che vedeva ogni giorno, in classe, bombardandoli letteralmente con foto impudiche e messaggi sconci. Nei selfie che inviava agli studenti, Yokasta si mostrava in posizioni che lasciavano poco spazio all’immaginazione. La prof non si era resa conto che quelle foto avrebbero potuto costarle caro. Gli investigatori hanno scoperto che, tra gennaio e aprile dell’anno scorso, l’insegnante avrebbe consumato rapporti ‘intimi’ nella sua casa con molti studenti, non preoccupandosi nemmeno di poter essere scoperta dal marito. Alla fine, però, la prof spudorata è stata scoperta.

Bocciatura per chi si rifiutava di andare a letto con lei

Avrebbe presumibilmente chiesto il numero di telefono a 40 ragazzi di 16 anni per ‘aiutarli negli studi’. In realtà, era una tattica per inviare agli studenti centinaia di scatti impudici. Un comportamento aberrante quello di una professoressa colombiana. La donna obbligava i liceali a consumare rapporti piccanti con lei, prospettando la bocciatura per chi si fosse rifiutato. I ragazzi erano stati quindi messi alle strette. Per ottenere la promozione dovevano andare a letto con la ‘calda’ insegnante.

La storia sconcertante è venuta alla ribalta grazie al padre di uno degli studenti, che un giorno si era accorto delle foto indecenti sul telefonino del figlio.

Il marito della prof ha chiesto il divorzio

Dopo alcune indagini, i poliziotti hanno scoperto la condotta perversa della prof e l’hanno arrestata. Se condannata rischia di passare in carcere fino a 40 anni. Il marito della 48enne ha già chiesto il divorzio. L’uomo tradito non si era mai accorto di nulla; credeva che la moglie fosse fedele.

Successivamente all’arresto dell’insegnante, uno studente ha pubblicato alcune foto scabrose, corredandole con la seguente dicitura: ‘Questa è l’insegnante Yokasta; dice che ci boccia se non abbiamo rapporti con lei’.

Se quel genitore non avesse scoperto quelle fosse, forse nessuno avrebbe denunciato la prof  ‘focosa’ e, chissà, la storia sarebbe andata avanti ancora per molto tempo. Invece Yokasta è finita in manette. Le Mehor, televisione locale, ha pubblicato una storia con le immagini che sarebbero state pubblicate in Rete da alcuni studenti.

Stavolta è stata una professoressa a chiedere agli studenti rapporti ‘intimi’ in cambio della promozione. L’anno scorso, in Italia, aveva invece suscitato scalpore il caso di Luca Sgarbi, docente della facoltà di Giurisprudenza di Torino. L’uomo avrebbe approfittato dei suoi poteri e del suo ruolo di relatore di tesi di laurea, per richiedere rapporti ‘intimi’ a una studentessa. Se la giovane non l’avesse fatto, il docente avrebbe diffuso dettagli particolari della sua vita.

Dopo intense indagini, il docente di diritto del lavoro era finito in carcere con l’accusa di tentata concussione. L’insegnante  arrestato avrebbe promesso il massimo dei voti alla ragazza se fosse andata a letto con lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.