Funzionario del Ministero cade dal quarto piano: ipotesi suicidio

By | 5 settembre 2017

Roma, Presunto Suicidio al MISE: Funzionario Cade dal Quarto PianoAveva 58 anni il funzionario del Ministero dello Sviluppo economico che, oggi, a Roma,  è caduto dal quarto piano ed morto. L’uomo stava lavorando nel suo ufficio, a due passi da via Veneto. I colleghi sono sotto choc. Sul posto sono arrivati immediatamente i poliziotti del Commissariato di Castro Pretorio e quelli del Reparto Volanti. Sebbene gli investigatori non escludano nessuna pista, quella del suicidio resta quella più autorevole. E’ successo alle 9.45 di questa mattina. Sul posto sono arrivati anche gli operatori del 118 ma l’uomo era già morto. Lo schianto col suolo, dopo un volo di svariati metri, è stato fatale. Adesso gli inquirenti dovranno effettuare accertamenti sulla vita del 58enne che, secondo le prime indiscrezioni, aveva problemi familiari. Le indagini sono coordinate dal pm Francesco Musolino. Per ora si indaga per istigazione al suicidio, in attesa di ulteriori sviluppi.

Una mattinata tragica a pochi metri da via Veneto

Choc a Roma, a pochi metri da via Veneto, la via della ‘Dolce Vita’. Dopo le 9, davanti all’edificio di via Lucullo, dove si trovano gli uffici ministeriali, si è accalcata tanta gente. Operatori sanitari, poliziotti e tanti curiosi. Una mattinata tragica in uno dei più bei posti di Roma. Quel funzionario ha improvvisamente fatto un volo dal quarto piano ed è finito sull’asfalto morendo sul colpo. Gli impiegati del Mise sono rimasti impressionati.

Il pm Francesco Musolino pensa che dietro al dramma di questa mattina, a Roma, ci siano problematiche familiari, quindi è molto probabile che il funzionario si sia suicidato.

Gli impiegati morti a Palermo

Un altro impiegato italiano che, di punto in bianco, muore in circostanze tragiche. Lo scorso giugno, a Palermo, un impiegato si era lanciato dal 13esimo piano. La vittima aveva 60 anni, due anni in più del funzionario del Ministero morto stamani. Il 60enne di Palermo si era gettato nel vuoto da un balcone. Un botto incredibile contro l’asfalto che non gli aveva dato scampo. Anche lui, dunque, era morto sul colpo. Episodi tragici che fanno sorgere subito molti interrogativi. Il primo è: perché? Qual è la ragione che ha portato il funzionario 58enne di Roma e quello 60enne di Palermo a farla finita? Difficile rispondere. Forse questa domanda non avrà mai una risposta.

A Palermo, lo scorso gennaio, si era lanciato dal terzo piano il bancario 40enne Valerio Castorina. Inspiegabili, anche in tal caso, le ragioni del gesto estremo. A Valerio non mancava nulla, aveva tanti amici, era amato dai parenti ed aveva un buon lavoro, come il funzionario ministeriale di Roma e il 60enne di Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.