Furgone finisce nel Tevere: 60enne sconvolto ma salvo

By | 14 gennaio 2016

Furgone non si ferma allo stop e cade nel TevereUn 60enne se l’è vista brutta, nelle ultime ore, a Fiumicino (Roma). L’uomo, alla guida del suo furgone, è finito in acqua dal ponte levatoio. Lo hanno salvato alcuni operai che stavano lavorando nei paraggi. L’episodio è avvenuto dopo mezzanotte

 

L’uomo non avrebbe rispettato lo stop e sarebbe passato ugualmente nonostante il ponte levatoio del Canale di Traiano fosse in fase di apertura. Inevitabile la caduta in acqua. Subito gli operai sono intervenuti ed hanno tratto in salvo il 60enne, visibilmente e comprensibilmente sconvolto, che ora è ricoverato all’ospedale Grassi di Ostia.

Nei presso di largo 2 giugno sono subito accorse 4 squadre dei vigili del fuoco per la rimozione del furgone. Le operazioni, però, non state semplici. Il canale, nelle ultime ore, è stato chiuso per consentire ai vigili del fuoco di riportare a terra il furgone.

Il motivo della caduta in acqua, dunque, è il mancato rispetto dello stop da parte del 60enne, che ha proceduto ugualmente sebbene il ponte levatoio si stesse alzando. E’ andata bene all’uomo: poteva accadere una tragedia. Perché l’uomo non ha rispettato lo stop? Probabilmente per distrazione. Per fortuna, questo episodio ha avuto un lieto fine. Ora i medici del Grassi stanno rasserenando il 60enne caduto nel canale, impaurito per quanto gli è accaduto.

loading...

Sul posto sono subito arrivati, oltre ai vigili del fuoco, anche i poliziotti del commissariato Fiumicino, e gli uomini della Capitaneria di Porto per compiere i primi accertamenti.

Il ponte 2 giugno collega l’Isola Sacra con via della Torre Clementina ed è ubicata nei paraggi della Chiesa di Santa Maria Porto della Salute. Vista la sua larghezza, inferiore ai 5 metri, non vi possono transitare mezzi pesanti. Paura finita, dunque, per il 60enne alla guida del furgone: la prossima volta l’uomo farà sicuramente più attenzione quando si troverà a passare nelle vicinanze del ponte levatoio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *