Animali

Gatto colpito da proiettili ad aria compressa: c’è un pazzo armato

gatto-colpi-carabina-aria-compressaQualcuno, in Sardegna, si diverte a sparare contro gli animali. I medici della clinica veterinaria Duemari, a Oristano, sono rimasti stupefatti quando si sono trovati davanti a un gatto pieno di pallini. Qualche pazzo armato gli aveva sparato. La terribile notizia è stata diffusa dalla stessa clinica sarda, mediante la sua pagina Facebook. La struttura sanitaria è stata sempre molto vicina anche agli animali non domestici, come il gatto raggiunto da diversi colpi. L’obiettivo della clinica di Oristano è anche quello di non far soffrire gatti, cani e altri animali randagi, ovvero quelli che non godono dell’amore e del calore di una famiglia.

Le foto del micio debilitato su Fb

‘Gattone maschio sparato a pallini in più occasioni. L’ultimo deve essere quello che ha determinato la sintomatologia stuporosa, quello sull’occipite. Sono proiettili da carabina ad aria compressa a forma di funghetto. Arma registrata. Il gatto arriva da Donigala Fenugheddu. Evidentemente c’è un pazzo armato che spara’, recita il post pubblicato dalla clinica veterinaria sul popolare social. A rendere il messaggio ancor più angosciante sono 4 fotografie che ritraggono il micio sul un lettino, sofferente e con gli occhi aperti. Postate anche le foto delle lastre che mostrano altri 3 proiettili conficcati nel corpo del piccolo felino.

Il gatto è stato pedinato, seviziato e poi colpito diverse volte, anche alla testa. Per quale motivo una persona, se così la vogliamo chiamare, ha compiuto un gesto così riprovevole e aberrante? Facile prendersela con un animale indifeso, no? E’ probabile che a sparare, comunque, sia stato un folle. Una persona assennata non riuscirebbe mai a compiere un gesto del genere. Il post della clinica veterinaria sarda ha ricevuto tanti commenti. Gli internauti hanno espresso la loro tristezza e rabbia.

Colpito da proiettili come Scheggia

Il micio colpito con i proiettili partiti da una carabina ad aria compressa è ancora in gravi condizioni. Adesso si teme che un soggetto pazzo si aggiri per le aree di Donigala Fenugheddu ed inizi a fare fuoco contro qualunque animale. La persona in questione dev’essere assolutamente individuata e denunciata. C’è un gatto che lotta tra la vita e la morte, che sta soffrendo per colpa di un essere umano insensibile e brutale. Chiunque sia in possesso di informazioni utili sul fatto accaduto a Oristano è pregato di contattare al più presto le forze dell’ordine.

Colpito da un colpo di pistola ad aria compressa alla schiena, lo scorso dicembre, era stato Scheggia, un gatto di Riborgo, tra Pertusio e Valperga, nel Torinese. L’animale era stato preso in pieno dal proiettile a pochi metri dalla casa dove vive. La proprietaria lo ha trasportato subito da Pierluigi Berta, veterinario molto conosciuto nel Canavese. Dopo aver operato il micio, il veterinario ha postato sulla sua pagina Facebook la radiografia del dorso del felino. Si vede bene il proiettile che avrebbe potuto ucciderlo.

‘Scheggia ha un anno, è stato portato qui dalla proprietaria. È stato sottoposto ad un intervento chirurgico per la rimozione del proiettile ed oggi ha potuto far ritorno a casa. La proprietaria farà denuncia ai carabinieri, e anche io presenterò un esposto. Faccio i complimenti al decerebrato che ha sparato a questo gattino. Mi auguro sempre, alla fine di ogni anno, che gli imbecilli spariscano o, perlomeno, diminuiscano un poco. Ma resto deluso’, ha scritto su Fb il veterinario piemontese.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.