Genitori si impiccano davanti alla figlia, bimba sotto shock

By | 30 marzo 2018

genitori-impiccati-figlia-mantovaUn’altra tragedia si è consumata nelle ultime ore tra le mura domestiche. Un uomo e una donna si sono impiccati davanti all’unica figlia, di 6 anni. E’ accaduto a Pegognaga, in provincia di Mantova. A scoprire i due corpi esanimi è stato il nonno della bimba, che precedentemente aveva provato, invano, a mettersi in contatto con i genitori. Le forze dell’ordine non hanno dubbi: i coniugi, lui 35 anni e lei 27, si sono suicidati. Probabilmente i due volevano uccidere anche la figlia, in quanto sul collo della minore sono state notate strane lesioni e lividi.

La morte sotto gli occhi

Quando l’hanno vista, a casa del nonno, era impaurita. Scioccata. Lo hanno riferito le forze dell’ordine, riferendosi alla bimba di Pegognaga che ha visto morire entrambi i genitori. La piccola era in casa nel momento del duplice suicidio. Adesso la minorenne si trova nel reparto di pediatria dell’ospedale ‘Carlo Poma’ di Mantova. Difficile adesso scoprire il motivo che ha portato moglie e marito, originari dell’India, a togliersi la vita. Lui era dipendente di un allevamento bovino. Ieri aveva detto al titolare che non sarebbe andato al lavoro perché doveva portare la moglie dal dottore. Mentiva. L’uomo aveva pianificato il suicidio.

Una sola corda per il duplice suicidio

Il nonno della bambina, quando è entrato in casa, ha scoperto i corpi impiccati con una sola fune alla ringhiera della scala interna. Le salme sono state trasportate nelle camere mortuarie del nosocomio Poma. La bimba di 6 anni non è morta ma indubbiamente anche lei è una vittima della tragedia. Avrà bisogno di un forte supporto psicologico per superare il momento traumatico. Nelle prossime ore la piccola verrà ascoltata da una psicologa che cercherà di ricostruire la dinamica della vicenda.

‘Era un ragazzo d’oro, con una bella famiglia. Siamo sconvolti e non abbiamo idea di quello che possa aver scatenato questo gesto’, ha affermato il proprietario dell’allevamento dove lavorava il suicida. Nessun movente è escluso, almeno per ora. Utili per gli investigatori saranno anche le dichiarazioni della bimba.

Impiccagione: la morte arriva in pochi minuti

In Italia si sono impiccate altre due persone. Non tutti sanno che l’impiccagione fa perdere la coscienza immediatamente, ma la morte arriva nel giro di qualche minuto, dai 2 ai 5. Nessuno, chiaramente, può sapere quanto tempo impiega il cervello per ‘spegnersi’. C’è chi si suicida mediante impiccagione e chi viene impiccato. Sì perché l’impiccagione è usata ancora in molte nazioni come forma di esecuzione capitale.

loading...

‘La perdita di coscienza è immediata, ma la morte arriva in pochi minuti. A provocarla è la pressione sul collo: la corda schiaccia la laringe e l’’ossigeno non arriva più ai polmoni. Ma, soprattutto, si blocca il fascio vascolare dove passa l’’arteria carotide, quella che porta il sangue al cervello. Basta un peso modestissimo in questa zona e il sangue non arriva più al cervello, provocando il danno che porta alla morte’, ha dichiarato il professor Angelo Fiori, uno dei più grandi esperti di Medicina legale che opera nel Campus Biomedico di Roma e all’’Università Lumsa. La corda, oltre ad impedire il passaggio di sangue al cervello provoca solitamente la rottura della vertebra cervicale, che da sola però non basta a cagionare il decesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *