Cronaca

Genova, bimba vegana ricoverata in Rianimazione: genitori mostri?

Dieta vegana: favorevoli e contrari sono in eterno conflitto. Casi come quello accaduto di recente a Genova fanno però riflettere. Una bimba di un anno è stata ricoverata all’ospedale pediatrico “Gaslini”, precisamente nel reparto di Rianimazione, in pessime condizioni a causa della dieta vegana seguita dai suoi genitori. I medici del nosocomio genovese di sono trovati davanti a una bimba deperita (pesa molto meno rispetto a un neonato della stessa età), con emoglobina al minimo e una grande carenza di vitamina B12. La piccola non reagisce bene agli stimoli e non ha una muscolatura ben sviluppata. Speriamo che la grave carenza dei principi nutritivi non abbia intaccato anche la sfera psichica. Sì perché la dieta vegana non consente di introdurre nell’organismo vitamine importanti, come la B12, fondamentali soprattutto per lo sviluppo psico-fisico dei minori. Secondo le prime indiscrezioni, la madre della bimba di Genova, vegana convinta, ha allattato la figlia per molto tempo ma con un latte povero di vitamine e proteine. I genitori genovesi non hanno provveduto ad integrare l’alimentazione della figlia con cibi di origine animale o con integratori.

La bambina vegana ha genitori mostri? No, i genitori della piccola non volevano certamente procurarle afflizioni ma la scelta di farle seguire il loro stile alimentare si è rivelata molto pericolosa. Il direttore sanitario del Gaslini, Silvio Del Buono, ha detto riguardo alle condizioni della bimba vegana e ai suoi genitori:

“Le sue condizioni sono in miglioramento ma la degenza sarà ancora lunga. Ed è ancora presto per stabilire se vi siano danni neurologici. Ma sta rispondendo alle cure e i genitori stanno collaborando con i medici… I genitori non sono dei mostri ma forse la mamma non si è informata correttamente su come integrare la dieta vegana. Non credo si possa parlare di maltrattamenti, forse di piccole disattenzioni”.

Adesso i medici del noto ospedale pediatrico di Genova stanno effettuando accurati accertamenti sulla vita della bimba vegana e dei suoi familiari; poi verrà stilato un report che verrà trasmesso ai servizi sociali. I genitori della piccola vegana rischiano grosso perché non è escluso un intervento del Tribunale per i minori, che potrà accusarli di maltrattamenti in famiglia o lesioni colpose. Non è la prima volta, in Italia, che un bimbo vegano viene ricoverato urgentemente per denutrizione. Il caso di Genova, dunque, non è affatto isolato perché ultimamente molti genitori hanno sposato la ‘causa vegan’. Alberto Villani ha così commentato la vicenda della bimba vegana di Genova:

“E’ fondamentale evitare diete carenziali e seguire una corretta alimentazione. Il nostro primo dovere è spiegare ai genitori quali rischi corrono i bambini; ma quando i genitori sono determinati nelle loro convinzioni alimentari, quello che possiamo fare è semplicemente arginare i danni con degli integratori che rendano meno carente la dieta carenziale…”.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.