Genova, neonata morta in casa: genitori lamentano ritardo 118

By | 3 novembre 2016

Dovrà essere fatta luce sulla morte di una bimba di 8 mesi, avvenuta ieri sera a Genova. La neonata ha iniziato a tossire verso le 22.30 e, subito, i genitori hanno avvisato il 118. Il personale sanitario, però, sarebbe arrivato dopo circa mezz’ora.

loading...

Automedica impegnata in un soccorso in codice rosso

Dramma in una casa sulle alture di Voltri, a Genova. I genitori della neonata lamentano un forte ritardo del 118. In realtà, il medico di turno sarebbe arrivato tardi perché l’unica automedica disponibile all’ospedale di Voltri era stata usata per un soccorso in codice rosso; quindi si è dovuta usare l’automedica dell’ospedale Sampierdarena. I poliziotti hanno iniziato ad indagare sulla misteriosa vicenda per fare chiarezza e individuare eventuali responsabilità. Attualmente, l’ipotesi più accreditata è quella della morte in culla. I genitori della bimba, che vivono al Cep di via Benedicta, hanno rivelato di essersi accorti, iera sera, che la figlia non respirava più. La coppia, che ha altri 5 figli (tutti minorenni) ha iniziato ad agitarsi.

L’intervento degli operatori del 118 è stato vano

Gli operatori del 118 hanno cercato di rianimare la neonata ma, dopo la mezzanotte, hanno constatato che i tentativi erano stati vani. Il padre e la madre della bimba, un 50enne e una 34enne, hanno riferito di aver prenotato nei giorni scorsi una visita dalla pediatra perché la figlia aveva iniziato a tossire spesso. Ieri sera, però, i colpi di tosse erano continui. La madre, allora, ha pensato di prendere in braccio la piccola e, poco dopo, si è resa conto che non respirava più.

Gli operatori sanitari, dopo la rianimazione in casa, hanno deciso di trasportare la neonata al Gaslini, ma il viaggio è stato inutile. La piccola era già morta. Gli uomini della Scientifica stanno compiendo gli accertamenti nella casa dei 2 genovesi. Gli altri figli, ieri sera, non erano in casa: erano rimasti a dormire dai nonni. E’ probabile che verrà aperta un’inchiesta sulla vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *