Cronaca

Gerace, minaccia con ascia anziana madre: arrestato per maltrattamenti in famiglia

Gerace, prende ascia e aggredisce madreEnnesima aggressione tra le mura domestiche. Un 76enne di Gerace, in provincia di Reggio Calabria, ha aggredito con un’ascia la madre 96enne

 

I carabinieri hanno arrestato l’uomo mentre stava minacciando l’anziana madre con l’ascia. L’arresto è avvenuto dopo una breve colluttazione tra il 76enne e i militari. Non si conosce la ragione per cui l’arrestato ha cercato di colpire la madre con l’ascia.

L’anziano dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia, reato purtroppo in aumento in Italia. Sempre più persone, infatti, soprattutto donne e minori, vengono aggredite tre le mura domestiche. E’ necessario che le vittime trovino il coraggio di denunciare gli abusi alle forze dell’ordine. Non bisogna restare in silenzio dinanzi ai maltrattamenti. Sì perché quelli che balzano agli onori della cronaca sono solo la ‘punta dell’iceberg’ dei maltrattamenti in famiglia.

Significative le parole di Roberta Gallego, sostituto procuratore del tribunale di Belluno e scrittrice di libri gialli:

“Riscontriamo una costante crescita di reati di maltrattamento in famiglia con cento casi l’anno per maltrattamento con  lesioni refertate, tra i 100 e i 180 senza lesioni refertate riferibili a molestie morali come insulti, minacce, sputi, deprivazioni materiali e finanziarie, ipercontrollo e svalutazioni insopportabili, e fra i 50 e i 70 casi di abuso sessuale. Nel rapporto conflittuale fra coniugi, il figlio minore subisce la violenza assistita, cioé diventa spettatore dei maltrattamenti fisici e morali perpetrati prevalentemente sulla mamma”.

Uno dei problemi da risolvere, secondo la Gallego, è la “mentalità omertosa”. Troppo spesso vengono tollerati gli abusi sui minori, specie se commessi da persone facoltose come insegnanti, maestri di musica, religiosi o familiari. Ciò è inammissibile: gli abusi vanno denunciati sempre e comunque. Gli aguzzini devono pagare per le loro condotte indecenti. I bambini e le donne sono le vittime privilegiate di soggetti crudeli e cinici, spesso con problemi psichici o depressi. Diciamo basta ai maltrattamenti in famiglia!

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.