Germania, 17enne afghano urla “Allah Akbar” sul treno e ferisce passeggeri con ascia

By | 19 luglio 2016

Terrore su un treno in Germania. Ieri sera, un 17enne ha urlato “Allah Akbar” ed ha iniziato a colpire con un’ascia i passeggeri. 4 persone sono rimaste ferite: 3 versano in gravi condizioni.

Treno bloccato ad Heidingsfeld

Il terrorismo islamico colpisce anche la Germania? Beh, sembra proprio di sì. Ieri, su un treno partito da Trechtligen e diretto a Wuerzburg, un minorenne afghano a preso un’accetta ed ha iniziato a colpire tutti coloro che si trovava davanti. Momenti di panico sul convoglio quando il 17enne gridava “Dio è grande” e colpiva i passeggeri. Il treno che transitava nel Sud della Germania è stato fermato. La Polizia e gli operatori sanitari sono immediatamente arrivati ad Heidingsfeld. Gli agenti hanno sparato al 17enne mentre tentava di darsi alla fuga e l’hanno ucciso.

I feriti sono stati subito trasportati in diversi ospedali della Germania. Il fatto che il 17enne urlava “Allah Akbar” fa pensare al terrorismo islamico. Non si sa ancora, però, se l’afghano fosse membro dell’Isis o un ‘lupo solitario’. Sembra che il minorenne fosse arrivato in Germania  da solo, senza genitori: viveva da un po’ di tempo a Wuerzburg, assieme a una famiglia tedesca. Si stava integrando.

Afghano aveva chiesto asilo in Germania

Il tremendo episodio che ha scosso la Germania, qualche giorno dopo l’attentato terroristico a Nizza, è avvenuto ieri, dopo le 22. Intervenute subito le forze dell’ordine, anche con un elicottero. La zona è stata presidiata da tantissimi agenti. Alla fine i poliziotti non hanno avuto altra scelta che uccidere 17enne, quell’afghano che aveva scelto la Germania per vivere dignitosamente. O forse aveva scelto tale nazione per spargere sangue e far sentire il grido del terrorismo islamico?

Oltre ai 4 feriti, sul treno c’erano altre 14 persone che, per fortuna, non hanno riportato lesioni. L’afghano, secondo le ultime informazioni, era in possesso ad di diversi oggetti appuntiti. L’episodio alimenterà sicuramente le tante polemiche sul boom di profughi in Germania. Il 17enne era arrivato nella nazione amministrata da Angela Merkel senza genitori, da solo, ed aveva chiesto asilo. Qualche mese fa era stato affidato a una famiglia.

Ministro Hermann: “17enne viveva a Ochsenfurt”

Il ministro dell’Interno bavarese, Joachim Hermann, ha affermato che l’adolescente era salito sul treno a Ochsenfurt, dove viveva con la sua nuova famiglia. La Germania sta aprendo le braccia a moltissimi immigrati ma spesso viene tradita. episodi come quello accaduto nelle ultime ore lo comprovano.

Hermann, riferendosi al 17enne afghano, ha detto:

“L’attentatore sembra essere un 17enne afghano che vive ad Ochsenfurt da qualche tempo. A un tratto ha aggredito i passeggeri con un coltello e un’ascia, ferendone diversi in modo serio. Alcuni passeggeri stanno ora lottando tra la vita e la morte”.

Il portavoce della Polizia bavarese ha affermato che attualmente non si conosce il motivo dell’attacco che nelle ultime ore ha scosso la Germania:

“L’attentatore, dopo aver ferito diversi passeggeri, è scappato ed è stato inseguito dagli agenti, che hanno fatto fuoco e l’hanno ucciso”.

Colpi senza soste con l’ascia, poi la fuga

“Allah Akbar”. Un grido che incute timore agli occidentali. Ha messo paura anche ieri, in Germania. Molti pendolari hanno vissuto momenti traumatici quando hanno visto quell’afghano che correva con un’ascia in mano e dava colpi, senza remore.

Nessuno avrebbe mai immaginato che quel giovane rifugiato, accolto con tanto amore dalla Germania, fosse un traditore, probabilmente un lupo solitario. Speriamo che i medici tedeschi riescano, ora, a salvare la vita ai 3 passeggeri feriti gravemente. I 14 passeggeri che hanno assistito alla scena, invece, sono sotto choc: li stanno assistendo molti psicologi.

Nessuna rivendicazione dell’Isis

L’episodio avvenuto in Germania nelle ultime ore testimonia che il terrorismo islamico sta mettendo in ginocchio l’Europa. Stavolta non c’è stata una strage come quella a Nizza della  scorsa settimana ma 3 persone rischiano di morire per colpa di un afghano. L’allerta sicurezza è massima in Europa. Non c’è un posto sicuro. Il terrorismo islamico è pronto a colpire ovunque. L’Isis non ha rivendicato l’episodio avvenuto ieri sera in Germania: la circostanza fa ritenere che il 17enne fosse un lupo solitario. Vedremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *