Giornalista del Financial Times ucciso da un coccodrillo

By | 15 settembre 2017

Coccodrillo uccide Paul McClean, giornalista del Financial TimesIl 24enne Paul McClean, talentuoso giornalista del Financial Times, è morto nello Sri Lanka. Ad ucciderlo è stato un grosso coccodrillo. La notizia, decisamente tremenda, è stata riportata dai colleghi del reporter e confermata dalla Polizia dello Sri Lanka. Il corpo di McClean è stato recuperato il giorno dopo l’uccisione. Il gigantesco rettile ha improvvisamente bloccato il 24enne, portandolo poi in acqua.Il direttore responsabile del Financial Times, James Lamont, ha affermato: ‘I nostri pensieri sono con i suoi familiari, i suoi amici e i suoi cari. Siamo in contatto con loro e stiamo facendo il possibile per aiutarli in questo momento difficile’. Lamont ha affermato che McClean era un giornalista talentuoso e dinamico, che aveva un grande futuro davanti a lui nel Financial Times. Il destino, ancora una volta, è stato beffardo. Il corpo esanime di Paul è stato ritrovato in una laguna, davanti a un villaggio distante circa 300 km dalla capitale Colombo.

Il giornalista aveva ferite sulla gamba destra

Un poliziotto dello Sri Lanka ha reso noto che il giornalista del Financial Times aggredito e ucciso dal coccodrillo aveva diverse ferite sulla gamba destra. Il corpo era immerso nel fango, nella stessa zona dove, il giorno prima l’avevano visto diverse persone che erano con lui. Si attende l’esito dell’esame autoptico, che permetterà di scoprire la causa del decesso di McClean.

Il reporter del Financial Times si era voluto recare con alcuni amici nello Sri Lanka per trascorrere una piacevole vacanza, per ‘ricaricare le pile’ e tornare al suo magnifico lavoro in forma. Purtroppo la vacanza gli è costata cara. Alcuni amici hanno detto che il 24enne stava prendendo lezioni di surf e si era allontanato un attimo per cercare un bagno. Sfortunatamente si era ritrovato in un posto tristemente noto per essere infestato dai coccodrilli.

La testimonianza di un turista scozzese

Paul aveva misteriosamente fatto perdere le sue tracce. Gli amici e alcuni turisti avevano subito segnalato la scomparsa ed erano partite le indagini. Si erano attivati anche i subacquei. Un turista scozzese che si trovava in zona ha detto: ‘Un turista britannico stava prendendo lezioni di surf in un posto chiamato Elephant Rock. C’è una laguna vicino al mare. L’uomo si era recato alla toilette vicino alla laguna, venendo poi afferrato da un grosso coccodrillo. Ce ne sono molti in zona. La gente ha visto le sue braccia in aria, in acqua e poi niente più. Io ero lì ma non ho visto nulla…’. 

Il proprietario della Safa Surf School, Fawas Lafeer, ha rivelato che vari testimoni avevano visto un coccodrillo afferrare e portare in acqua il reporter del Financial Times.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.