Esteri

Giro del mondo in solitaria, Velista rischia la vita dopo tempesta

Il velista Abilash Tomy è stato protagonista di un incidente in mare, che mette a grave rischio la sua vita.  Gli aiuti internazionali stanno cercando di fare il massimo per cercare di portarlo a terra e soccorrerlo adeguatamente nel più breve tempo  possibile.

Ore di ansia per Abilash Tomy

Abilash Tomy stava partecipando, dal primo di luglio, alla Golden Globe che è il giro del mondo in solitaria. Il capitano di Marina indiano è, dalla giornata di venerdì, in pericolo di vita.

Secondo quanto appreso, il 39enne si trovava nelle acque di Thuriya e una violenta tempesta lo ha travolto spezzando l’albero maestro della sua imbarcazione, che è una replica e un omaggio alla Suhaili, la barca che nel 1968 vinse il primo premio della competizione, grazie al velista Robin Knox-Johnston.

A quanto pare il velista ha riportato gravissime ferite alla schiena e non riesce a spostarsi dal pozzetto. D’altronde la tempesta viaggiava con oltre 70 nodi di vento e vedeva onde alte oltre 25 metri.

A dare l’allarme è stato proprio Abilash Tomy che è riuscito a comunicare la sua posizione, ma da allora il suo telefono satellitare non dà cenni di funzionamento.  Nella giornata di ieri, senza alcun successo però, due aerei indiani e australiani hanno sorvolato la zona per cercare di portare aiuto e il primo soccorso, ma non c’è stato nulla da fare.

Alla ricerca di Abilash Tomy

Il velista era in gara da ben 151 giorni, percorrendo perfettamente 10.500 miglia e il più vicino a lui è l’irlandese Gregor McGuckin, sul quale gli organizzatori della Golden Globe fanno affidamento per cercare di avere notizie.

Tra gli aiuti c’è anche peschereccio privato francese e un elicottero australiano, partito da est, ma si stimano per l’arrivo sulla zona quattro giorni. Intanto dall’imbarcazione del velista il silenzio totale.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.