Giudice toglie i figli a una donna vittima di violenze: ricusato

By | 15 febbraio 2018

violenze-giudice-ricusatoIl giudice Gaetano Appierto di Pordenone non solo aveva tolto i figli a una donna vittima delle ripetute violenze da parte del marito, che si era rivolta a lui per cercare di fermare quell’uomo che aveva sposato, ma che si era trasformato in un aguzzino. Non solo quindi non le aveva creduto, ma l’aveva persino denunciata per diffamazione a mezzo stampa. L’avvocato della donna, Francesco Miraglia, aveva pertanto chiesto la ricusazione del giudice, in quanto non più imparziale: e così è stato. All’udienza fissata per il prossimo 23 febbraio, in cui si dibatterà l’annullamento della sentenza con cui i due bambini sono stati allontanati dalla mamma, una professionista di Pordenone, ci sarà un altro magistrato.

«Questo è uno dei classici casi in cui la giustizia si fa forte con i deboli» sottolinea l’avvocato Miraglia «i quali, se non hanno risorse, coraggio, testardaggine e costanza per andare contro le sentenze inique, finiscono con il subire dei provvedimenti ingiusti. Ma nel caso di questa madre si è assistito a qualcosa di ben più grave: non soltanto il giudice non le ha creduto, nonostante i referti dimostrassero chiaramente come il marito, picchiandola, le avesse rotto sia la mandibola che un timpano (l’uomo, nel frattempo, è stato condannato in via definitiva per lesioni aggravate), ma le ha anche tolto i figli. Lei, vittima che si era rivolta alla magistratura per ottenere giustizia, si era trovata umiliata e persino allontanata dai suoi due bambini, costretti a vivere in una comunità…».

L’avvocato Miraglia continua così: «Nonostante si fosse sempre dimostrata madre amorevole e attenta, come sottolineato pure dagli operatori della casa famiglia. Che fosse pertanto solo una ritorsione ci è stato confermato anche dall’assistente sociale. Ma il giudice non si è fermato: quando la mia cliente si era sfogata attraverso una lettera pubblica, inviata alla presidente della Camera, Laura Boldrini, a cercare in lei un appoggio, il magistrato l’ha denunciata per diffamazione a mezzo stampa. Ha denunciato una vittima, una donna vittima di violenza, una donna che si era rivolta a lui in fiducia. Siccome il procedimento porta lo stesso numero di quello avviato dal marito di lei, che l’ha a sua volta denunciata per il medesimo motivo, sottoporrò la questione al Consiglio Superiore della Magistratura, per verificare se questo giudice si sia accordato con l’imputato per fare causa comune contro la mia assistita. Che ricordo, in tutta questa vicenda, è la vittima».

Nel frattempo, appunto, il giudice è stato ricusato dal caso. Non ha sortito nessun effetto, inoltre, la lettera inviata alla presidente Boldrini. «La sua segreteria mi ha contattato dicendomi che la presidente altro in più non poteva fare se non sensibilizzare la cittadinanza sul tema della violenza contro le donne tramite convegni, come sta già facendo», conclude l’avvocato Miraglia.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *