Cucina

Heart attack grill: il piacere di morire a tavola

Heart attack grill, il ristorante che uccide

Se vi dicessero che mangiare un mega panino di 10000 calorie rischia di uccidervi, voi lo fareste? Probabilmente no, ma heart attack grillin America invece, nel tristemente celebre Heart Attack Grill, la gente va appositamente per questo: farsi del male.

Il fast food ha una particolarità che lo rende unico nel mondo: è strutturato come un ospedale. A servire il cibo che fa rabbrividire le coronarie degli avventori sono belle ragazze vestite da infermiere sexy. All’ingresso viene fornito l’abbigliamento da ricovero ospedaliero e durante il pasto un finto medico passerà di tavolo in tavolo con uno stetoscopio per verificare le condizioni di salute dei pazienti clienti.

Nel menù tutti gli alimenti sono ipercalorici e dannosissimi per la salute. I nomi dei panini richiamano le più spiacevoli patologie cardiache: doppio bypass burger, triplo bypass burger, quadruplo bypass burger – di 10000 calorie – a seconda di come desideriate compromettere la vostra salute. L’unico condimento accettato sono patatine fritte, da accompagnare a bibite gasate o frullati e dolci straripanti di sugna.

Come se non bastasse, per attirare gli americani golosi in questa trappola al colesterolo i gestori si sono inventati una promozione fin troppo allettante: se pesi più di 160 kg  mangi gratis tutto quello che vuoi.
Ovviamente l’ospite verrà pesato al suo arrivo nel locale, dal quale molto probabilmente uscirà in sedia a rotelle, e non per modo di dire, visto che il premio per chi mangia tutto è proprio quello di essere scarrozzato fuori, come un infermo, dalle cameriere infermiere.

Tutto ciò potrebbe apparire semplicemente ridicolo, se non fosse che a partire dal 2011 ad oggi l’heart attack grill è stato responsabile di alcuni decessi e svariati ricoveri in ospedale, quelli veri però, gli ultimi proprio in tempi recenti.

Jon Basso, il proprietario dell’heart attack, ha più volte dichiarato nelle sue interviste di voler lanciare un messaggio agli accaniti consumatori di cibo da fast food.
L’obesità in America ha raggiunto livelli eclatanti, gli americani tuttavia continuano ad abbuffarsi da MacDonald, Burger King e in fast food come il mio. Io sono qui per dirvi di non mangiare nel mio locale, perché il cibo che serviamo vi ucciderà. Ve lo ricorderò sempre, a differenza di quanto fanno le altri grandi catene di fast food che vi attraggono con spot promozionali ingannevoli.

Paradossalmente, Jon Basso si proclama il primo nemico dei fast food. Messaggi nello stile “nuoce gravemente alla vostra salute” campeggiano già all’ingresso, per mettere in guardia la sua clientela.
Desta però specie l’intervista, dai toni decisamente polemici, che lo stesso Basso ha rilasciato ad un emittente americano, accompagnandosi con un’ulna a dir poco speciale: essa conteneva le ceneri di un cliente morto all’heart attack. Personalmente, su questa notizia, così come sulla filantropia del proprietario di questo localo, resto parecchio scettico.
Per chi volesse provare il brivido dell’arresto cardiaco, l’Heart attack grill si trova a Las Vegas, Nevada, al 450 di Fremont Street.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.