Influenza uccide 31enne: Giarre piange Emanuela Pulvirenti

By | 15 febbraio 2018

Emanuela-Pulvirenti-morta-influenzaEmanuela Pulvirenti aveva 31 anni, era felice e solare. Nei giorni scorsi, però, ha lasciato questo mondo. Giarre, la città dove Emanuela viveva, è sotto shock per il decesso improvviso. La Pulvirenti aveva accusato malori tipici di un’influenza ed era stata trasportata all’ospedale Cannizzaro. Dopo un primo miglioramento, sono arrivati il peggioramento e la morte. La 31enne è deceduta per un arresto cardiaco. I medici hanno fatto il possibile per salvare Emanuela ma ogni pratica è stata vana.

Emanuela sembrava guarita

I medici dell’ospedale di Catania hanno riferito che Emanuela ‘era stata colpita da una sindrome influenzale dalla quale sembrava guarita. Dai recenti episodi di aritmia riferiti dai parenti in anamnesi, non può escludersi una complicanza miocarditica post-influenzale’. Il decesso di Emanuela ha scioccato familiari e amici, che hanno manifestato il loro dolore su Facebook. Negli ultimi giorni sono state postate anche numerose foto sulla bacheca Fb della 31enne.

Lacrime e commozione al funerale della 31enne

Tanta commozione al funerale di Emanuela Pulvirenti. Tante lacrime e disperazione. Giarre in lutto per la morte improvvisa della 31enne con tanti sogni e aspettative. Una ragazza gioiosa e serena stroncata da una sindrome influenzale. ‘Ed eccoci qua 2017, maledetto fino alla fine mi hai messa a dura prova… a me che sono una potenza, auguro forza, tutta la forza possibile per affrontare ogni situazione così come ho sempre fatto!! Buon 2018’, aveva scritto Emanuela sui social il primo giorno dell’anno.

La Pulvirenti si preparava ad affrontare il 2018 con tutta la sua energia. Quell’influenza, che sembrava banale, l’ha demolita. Adesso restano il suo sorriso, la sua gioia, le sue foto e tanti post pubblicati dagli internauti scossi dalla vicenda. ‘Non ti conosco ma leggendo le parole di questo tuo post, piene di forza e voglia di superare sempre tutto, il dolore per quanto è accaduto è in me ancora più straziante. Spero che, a chiunque le legga, possano trasmettere la stessa vitalità in modo che tu possa continuare a vivere nella forza che hai trasmesso in ognuno di noi! Ciao Emanuela!’, ha scritto ad esempio l’utente Marco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.