Spettacolo

Jennifer Aniston: imbolsita e depressa in “Cake”, scordate ‘ragazza della porta accanto’

Ennesima prova, perfettamente riuscita, per Jennifer Aniston. L’attrice americana ha interpretato una donna depressa in “Cake”, pellicola interessante diretta da Daniel Barnz.

Dopo un terribile incidente stradale, Claire diventa vittima di allucinazioni e dolori cronici. Per tale ragione inizia ad ‘imbottirsi’ di antidepressivi. Scordatevi, stavolta, di vedere Jennifer in versione ‘ragazza della porta accanto’: l’attrice appare appesantita e stravolta, proprio come una persona che abusa di psicofarmaci. Un ruolo diverso e insolito per un’attrice venuta alla ribalta grazie alla sitcom “Friends”.

“E’ stata una cosa frustrante non volevo essere solo la ragazza della porta accanto… Volevo la gente potesse vedermi sotto una luce diversa, senza trucco. Essere una donna per lo più sgradevole è stato rischioso, ma mi sono detta che avrei dovuto necessariamente provare”, ha spiegato la Aniston.

Applausi scroscianti del pubblico al Toronto International Film Festival, lo scorso settembre, dopo la visione di “Cake”. Molti sostengono che Jennifer Aniston vincerà anche un premio Oscar per la migliore interpretazione femminile. Le carte in tavola ci sono tutte.

“Tutti noi attori abbiamo un arsenale di personaggi e spesso indaghiamo il dolore. Ho fatto tante commedie ma dentro di me sento di avere anche un’indole drammatica. Per Cake mi sono sforzata di capire l’aspetto fisico del dolore della donna. Ho parlato con tanta gente, conosco persone arrabbiate con la vita, so da dove viene il loro dolore. Claire ha problemi di dipendenza da sostanze e combatte contro la depressione, un ruolo per niente glamour e, forse proprio per questo, molto liberatorio”, ha dichiarato Jennifer.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.