Cronaca

Jesolo, picchiato in discoteca: Daniele in fin di vita

Jesolo, pestaggio in discoteca: Daniele miglioraE’ in fin di vita Daniele Bariletti, il 24enne di Pianiga che, nella notte tra il 14 e il 15 agosto è stato picchiato in una discoteca di Jesolo. Il giovane sarebbe stato massacrato da un ragazzo nerboruto, alto circa 1,90 metri e con gli occhi azzurri. Daniele era con la fidanzata e gli amici. I ragazzi avevano prenotato un privé nella discoteca. Verso le 3.30, secondo il racconto dei testimoni, il ragazzo grosso e biondo aveva iniziato ad istigare Daniele nel privé. I due avevano iniziato così a litigare. Poi la tragedia. Bariletti era stato colpito violentemente al volto. Colpi fatali, che gli avevano fatto perdere i sensi. Il 24enne era stato soccorso e portato all’ospedale di Jesolo dagli amici. I medici di tale nosocomio, però, avevano deciso di trasferirlo all’Angelo di Mestre, dove Daniele si trova attualmente, in pessime condizioni.

Caso simile a quello di Lloret de mar

Adesso i genitori di Daniele Bariletti vogliono spiegazioni, vogliono che la vicenda non venga assolutamente archiviata, come spesso è accaduto. Sono stati proprio il padre e la madre del 24enne a denunciare la vicenda, che presenta similarità con quella accaduta nei giorni scorsi a Lloret de mar. L’unica colpa del giovane Bariletti sarebbe stata quella di trascorrere la notte tra il 14 e il 15 agosto in discoteca con la compagna e gli amici. Ora lotta tra la vita e la morte su un letto d’ospedale: ha tante lesioni ed ecchimosi sul volto. Attualmente gli investigatori stanno sentendo tutte le persone che avevano assistito alla rissa e al conseguente pestaggio nel Vanilla Club di Jesolo. Ovviamente sarà decisiva la testimonianza dello stesso Daniele.

Secondo le ultime informazioni, Daniele sarebbe stato sottoposto a due delicati interventi chirurgici. Le sue condizioni starebbero migliorando. I medici sono fiduciosi. Il 24enne, visti i miglioramenti, è stato trasferito nel reparto di Neurochirurgia; prima si trovava in quello di Rianimazione.

Pestaggio dovuto all’alcol?

Gli inquirenti dovranno scoprire la ragione per cui quel ragazzo ‘un metro e 90, tra i 24 e i 28 anni, biondo, occhi azzurri’ era entrato nel privé ed aveva iniziato a punzecchiare Daniele, innescando una colluttazione terminata in modo disastroso per il 24enne di Pianiga.

I genitori di Bariletti chiedono che episodi del genere non devono assolutamente accadere più. Le forze dell’ordine continuano ad indagare. Non escludono che il pestaggio sia stato dovuto all’alcol.

Nella lunga lettera-denuncia pubblicata su Facebook, i genitori del ragazzo veneziano pestato hanno precisato che “un ragazzo si è intrufolato nel privé e ha volutamente provocato nostro figlio e la ragazza buttandogli addosso una bevanda e scatenando la reazione di Daniele, che gli ha detto ‘Che c…o fai'”.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.