La Spezia, buttafuori aggressivi pestano fratelli: 43enne grave

By | 6 novembre 2016

2 buttafuori sono stati denunciati per lesioni, a La Spezia, perché avrebbero aggredito 2 fratelli durante un acceso litigio. Un 43enne è stato trovato per terra, in stato di incoscienza, dai carabinieri. La lite e il conseguente pestaggio sono avvenuti davanti alla discoteca Papilio, molto conosciuta nel capoluogo ligure.

Aggressione con bastone telescopico e spray al peperoncino

I carabinieri hanno avviato le indagini per ricostruire la dinamica dell’aggressione avvenuta davanti alla discoteca di La Spezia. Sembra, comunque, che i 2 fratelli fossero alticci e, per cause da accertare, hanno iniziato a litigare con 2 buttafuori. La lite è degenerata e, a un certo punto, i 2 addetti alla sicurezza hanno picchiato i 2 fratelli. Uno di questi, un 43enne, è caduto per terra. Era privo di sensi all’arrivo delle forze dell’ordine. Alcuni testimoni hanno riferito che i 2 buttafuori avrebbero usato spray al peperoncino e un bastone telescopico. I 2 oggetti, però, non sono stati ritrovati dalla Polizia. Disposta la chiusura per 30 giorni del locale.

Prognosi riservata per il 43enne picchiato; il fratello, invece, ha riportato ferite meno gravi. L’episodio ha provocato un forte rallentamento del traffico nella zona del pestaggio ma, alla fine, tutto è tornato alla normalità. Il 43enne è ancora in prognosi riservata e il fratello guarirà in 25 giorni. Non è escluso che, nelle prossime ore, possano essere denunciate altre persone. Il locale resterà chiuso per 30 giorni. Le forze dell’ordine non hanno ancora trovato il bastone telescopico e lo spray al peperoncino usati dai buttafuori per aggredire i 2 fratelli.

Più sicurezza nelle discoteche

Stavolta ad avere la peggio nel corso di una lite in discoteca sono stati i clienti. Diverse volte, però, sono stati i buttafuori ad essere pestati. Lo sa bene Angelo, un trentenne che studia Architettura all’università. Per guadagnare qualcosa, Angelo, fa il buttafuori una volta a settimana, presso le ‘Terrazze Excelsior’, rinomato locale nel centro storico di Palermo. Lo scorso febbraio, però, una lite è degenerata e il buttafuori Angelo è stato preso a calci e pugni da un gruppo di ragazzi. Sembra che il trentenne avesse impedito loro di accedere a un’area riservata del locale.

Non è forse il caso di aumentare la sicurezza nelle discoteche italiane, per evitare altri pestaggi, feriti o decessi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.