Lascia i figli in macchina per punirli: Cynthia accusata di omicidio

By | 9 agosto 2017

Usa, madre lascia figli in auto: è omicidioLa morte dei piccoli Juliet, 2 anni, e Cavanaugh, 16 mesi, non era stata dovuta a un tragico incidente. Sarebbe stata la mamma a causarla. Dopo diversi mesi da quella tragedia, avvenuta in Texas, è stata scoperta la verità. La madre, Cynthia Marie Randolph, 25 anni, aveva voluto punire i bimbi lasciandoli solo in macchina. La temperatura, all’interno della vettura, era salita rapidamente, sfiorando i 35°C. I fatti risalgono allo scorso 26 maggio 2017. I vigili del fuoco arrivarono subito davanti alla casa di Cynthia Marie ma per i piccoli non c’era più niente da fare. Erano già stati stroncati dal caldo opprimente. La mamma aveva detto che la figlia maggiore stava facendo le bizze e non voleva scendere dall’auto. Lei, allora, se n’era tornata a casa, credendo che i figli sarebbero tornati a casa. Poi Cynthia Marie aveva reso una dichiarazione differente: i piccoli si erano chiusi in macchina mentre lei puliva casa.

Il capo d’imputazione è cambiato: da lesioni aggravate a omicidio

Gli agenti americani si erano insospettiti dopo le dichiarazioni contrastanti della Randolph ed avevano continuato ad indagare. La 25enne aveva detto che, dopo aver pulito il suo appartamento, si era resa conto che i figli si trovavano ancora in auto. Allora era corsa verso la sua vettura, notando i minori senza sensi; poi aveva infranto i finestrini. Inizialmente la madre sciagurata era stata accusata di lesioni gravi, ma grazie a numerosi interrogatori gli investigatori si sono resi conto che si era trattato di omicidio. Cynthia Marie aveva ucciso i figli volontariamente. Nessuna tragedia, niente di accidentale.

Adesso si fa dura per la 25enne texana, visto che il capo d’imputazione è mutato: dovrà rispondere di omicidio volontario. Non ci sono più dubbi. La Polizia ha fatto una triste scoperta dopo innumerevoli accertamenti ed interrogatori. Quella snaturata madre americana aveva voluto punire i figli lasciandoli in auto, sotto il sole, al caldo. I bimbi, vista la tenera età, sono soffocati in quella macchina. La temperatura nell’abitacolo aveva sfiorato i 40°C. Una fine tremenda.

La sofferenza dei piccoli Juliet e Cavanaugh

Mentre Juliet e Cavanaugh soffrivano in auto, in solitudine, la madre era in casa. Fumava marijuana. Poi si era addormentata, senza preoccuparsi minimamente dei figli, esseri viventi che aveva partorito da poco. Il portavoce della Polizia ha dichiarato recentemente: ‘Pensava che i figli sarebbero scesi dall’auto da soli, ma così non è stato’. Intanto Cynthia Marie Randolph si trova in carcere. Chissà se sta pensando all’azione vile e aberrante compiuta lo scorso maggio?

Perché quella mamma americana si è comportata in tale modo. Perché ha lasciato solo il sole i suoi figlioletti? Un atteggiamento naturale o provocato dall’assunzione di sostanze stupefacenti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.