Libri

Trono di Spade, le identità segrete di alcuni personaggi

Le vere identità di alcuni protagonisti del Trono di Spade

trono di spade
Il Trono di Spade avvince, incuriosisce ed appassiona senza tregua, generando continue teorie sulla possibile evoluzione della trama. Alcune di queste sono tra le teorie più comuni tirate fuori dai lettori più appassionati della fortunata serie di romanzi scritta dalla penna creativa di George Martin, altre sono il frutto di alcune considerazioni circolanti sul web e rappresentano un mix tra quanto accade nel romanzo (Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco) e quanto accade nella serie televisiva (il Trono di Spade).
Attenzione non vi è nulla di concreto in queste teorie, che sono soltanto delle speculazioni, o soltanto dei desideri, dei fan sfegatati del fantastico mondo di Martin.

I Targaryen celati nel Trono di Spade

Partiamo da uno dei personaggi più atipici del Trono di Spade, ma anche tra i più amati ormai, grazie soprattutto all’eccellente interpretazione di Peter Dinklage, parliamo di Tyrion, il “folletto”, Lannister.
Si ritiene che alla fine della serie del Trono di Spade vi saranno tre Targaryen che compariranno per cavalcare i draghi custoditi da Daenerys. Alcuni di questi Targaryen vivono sotto mentite spoglie, per evitare i numerosi nemici che la casata attira costantemente su di sé.
Secondo alcuni appassionati, uno di questi tre Targaryen sarebbe nientemeno che Tyrion, nato dalla violenza perpetrata da Aerys il Folle – padre della stessa Daenerys – ai danni della moglie di Tywin, Joanna. Non c’è alcuna prova però nei romanzi che ciò sia accaduto, salvo il fatto che Joanna avrebbe trascorso molto tempo ad Approdo del Re, proprio alla corte di Aerys il Folle, e che lui provava una passione per lei. Ed è noto che Aerys era talmente folle che non avrebbe esitato a violentare la moglie di uno dei suoi alleati più potenti. Inoltre Tyrion ha un occhio viola e capelli di un biondo così lucente da sembrare bianchi; ora l’occhio viola ed i capelli bianchi sono una caratteristica esclusiva dei Targaryen.
Con ciò potrebbe spiegarsi – ed in modo del tutto convincete anche – il profondo odio nutrito da Tywin Lannister per suo figlio Tyrion.

Jon Snow

Jon Snow, questo simpatico e curioso personaggio, uno dei protagonisti indiscussi del Trono di Spade, potrebbe svelare qualche jon snowsorpresa sbalorditiva, ad esempio che sotto i suoi capelli nero corvino possa nascondersi una lucentissima chioma biondo-Targaryen.
Perché proprio Jon Snow direte voi?
In realtà ci sono molte prove che portano ad ipotizzare che egli non sia il figlio bastardo di Ned Stark, ma uno dei Targaryen.
Procediamo con le evidenze.
Sappiamo che Lyanna (unica sorella di Ned) ha fatto promettere a Ned Stark qualcosa prima di morire, ma ancora non sappiamo quale sia il nocciolo di questa enigmatica promessa. Poco si parla di le nel Trono di Spade, ma ci è stato fatto credere che la promessa fosse quella di essere seppellita a Grande Inverno. Ned passava molto tempo a rimuginare sulla promessa, ma se questa era stata mantenuta, perché era sempre presente nei suoi pensieri?
E se questa promessa fosse invece quella di proteggere l’identità di Jon dalla vendetta delle altre casate ostili ai Targaryen allora la sua costante preoccupazione avrebbe molto più senso.
Gli unici figli degli Stark che non assomigliano ai loro genitori sono Jon e Arya. Ned non sembra provasse rancore nei confronti di re Rhaegar, il che è strano se Rhaegar ha realmente violentato sua sorella. Eppure vediamo che un certo punto della storia del Trono di Spade, Ned si trova a rimuginare circa bastardi di re Robert e dai bastardi di Robert passa a pensare a sugo figlio bastardo, Jon, lo stesso pensiero lo porta a Lyanna e Rhaegar per qualche strano ed oscuro motivo.
Fatto molto più eloquente in proposito, Daenerys, nella sua visione della Casa del Non-morto vede un rosa d’invero blu che cresce nella crepa di un muro di ghiaccio. Altrove si dice esplicitamente che la rosa blu d’inverno è guarda caso proprio il simbolo di Lyanna. Semplici coincidenze o sagaci collegamenti istituiti dall’astuta mente di George Martin?

Meera Reed, altra possibile Targaryen

meera reed
Meera Reed, temperamento forte, risoluta, caparbia, guerriera, capelli corvini – sì come Jon Snow – sembrerebbe quasi la sua sorella gemella, Leia separata da lui fin dalla nascita. Meera e Jon hanno la stessa età, il carattere di Meera è simile al carattere libero di Lyanna. Greywater Watch, il castello della Casata Reed, dove Meera è cresciuta, sarebbe il posto ideale per nascondere uno dei Targaryen, perché è praticamente impenetrabile. E il misterioso Howland Reed, Lord della Torre dell Acque Grigie e capo dei crannogmen dell’Incollatura, migliore amico e alleato di Ned Stark, sarebbe proprio la persona più fidata a cui consegnare la bimba in pericolo.

Howland Reed, L’Alto Septon

Howland Reed, padre – non possiamo più dirlo con assoluta certezza – di Jojen e Meera, giocherà il suo ruolo più avanti nella lunga e complessa trama del Trono di Spade.
Infatti uno dei principali cambiamenti che si stanno verificando nella serie è che la magia e la religione stanno acquisendo via via un ruolo sempre più cruciale, tanto nelle scelte politiche quanto nella lotta contro il pericolo proveniente oltre la Barriera. Al primo piano è l’Alto Septon, che si spiega essere il capo di un movimento religioso molto potente; egli in sostanza diventa una sorta di guida per tutta Westeros. E’ un personaggio che svolge un ruolo fondamentale nella storia a nulla di concreto si sa sulla sua vita ed il suo passato.
La descrizione fisica, manco a farlo apposta, dell’Alto Septon è in tutto e per tutto simile ad uno proveniente dell’Incollatura. Solo lui è ormai in grado di dire quale sia la vera identità di Meera e di Jon, i quali con molta probabilità essi stessi ignorano. Forse egli stesso potrebbe essere un Targaryen, nulla è da escludere al momento.
Possibile direte voi che della quasi estinta dinastia Targaryen siano in realtà in vita così tanti personaggi?
Beh, che tutti coloro di cui abbiamo parlato lo siano per davvero sembra difficile, ma che almeno uno tra questi risulti essere un biondochiomato Targaryen non è certo un’aspettativa così remota. Il Trono di Spade è loro di diritto e questa forse è l’unica sorpresa che non può essere celata.
D’altra parte maestro Aemon dei Corvi è un Targaryen, il suo voto lo ha allontanato da ogni pretesa dinastica e parimenti lo ha salvato da una morte quasi certa.
Gli altri Targaryen compariranno, magari anche a loro insaputa, al momento giusto per la trama, ma il meno atteso per noi. Perché si sa, George Martin adora sorprenderci e lasciarci di stucco… e lo adoriamo anche noi!

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.