Cronaca

Lido di Camaiore: ucciso con un pugno in faccia

E’ finito in tragedia un banale diverbio tra due uomini al Lido di Camaiore. Il ragionere 60enne Pietro Buchignani è morto dopo essere stato colpito dal 40enne Federico Ramacciotti Ceragioli.

Casa comprata da poco al Lido di Camaiore

Pietro Buchignani, ragioniere molto conosciuto, stava trascorrendo le vacanze nella sua nuova casa al Lido di Camaiore. A un certo punto ha notato che il 40enne, titolare di una ditta di smaltimento di rifiuti speciali, parcheggiava l’auto davanti alla sua abitazione e l’ha invitato a spostarsi perché lì non poteva posteggiare il veicolo. Federico Ramacciotti Ceragioli, allora, si è infuriato ed ha iniziato ad inveire verso il ragioniere. E’ scoppiata una furibonda lite. A un certo punto, il 40enne ha sferrato un pugno in faccia a Pietro Buchignani che è caduto per terra ed ha sbattuto violentemente la testa. E’ successo ieri mattina, dopo le 10, in via Buonarroti.

Dopo aver ricevuto quel pugno in faccia, Buchignani non si è più alzato. Nonostante il tempestivo intervento del personale del 118, che lo ha provato a rianimare per una quarantina di minuti, il ragioniere non si è ripreso. Un noto 60enne lucchese è venuto a mancare per un alterco dovuto a futili motivi. Se il 40enne non avesse parcheggiato la sua Toyota Yaris davanti all’abitazione del ragioniere non sarebbe forse avvenuta una tragedia al Lido di Camaiore. Pietro Buchignani lascia la moglie e la sorella, una poliziotta che lavora presso la Procura di Lucca.

Aggressore arrestato per omicidio preterintenzionale

I carabinieri intanto hanno arrestato Ramacciotti Ceragioli con l’accusa di omicidio preterintenzionale. L’uomo, all’inizio, ha ammesso di aver sferrato un pugno in faccia al ragioniere, durante la lite in via Buonarroti; poi ha ritrattato. In realtà, dai primi accertamenti è emerso che Buchignani è stato certamente raggiunto da un pugno in faccia. L’anatomopatologo ha riscontrato un grosso livido sotto l’occhio, compatibile con un colpo forte sferrato a mani nude. L’aggressore 40enne si trova già nel carcere di Lucca.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.