News

Liverpool-Roma: dito medio di Conti e Pruzzo ai Reds

Liverpool Roma, Conti fa dito medioQuando sente la parola Liverpool, Bruno Conti, ex calciatore e ‘bandiera’ della Roma, non può non pensare a quel rigore sbagliato nel 1984 contro i Reds. Oggi Conti è dirigente della Roma e tra qualche ora assisterà all’andata della semifinale di Champions League Liverpool-Roma. Si giocherà all’Anfield. Brunetto e Roberto Pruzzo sono già arrivati a Liverpool e ieri, davanti allo stemma del club inglese, hanno mostrato il dito medio. L’immagine è diventata virale e qualcuno si è anche indignato.

Le scuse di Bruno Conti per il dito medio

Quel dito medio non voleva certamente testimoniare il rancore di Pruzzo e Conti verso il Liverpool. E’ stato solo un gesto spiritoso. Per evitare polemiche, Bruno Conti si è voluto scusare ai microfoni dell’Ansa: ‘Un momento di goliardia privato è stato reso pubblico senza che ne fossi a conoscenza, trasformandolo in un gesto inopportuno di cui sento il bisogno di scusarmi. Sono nel mondo del calcio da una vita negli ultimi 25 anni ho provato a trasmettere i miei valori a tutti i ragazzi con i quali mi sono trovato a lavorare, a partire dal rispetto dell’avversario’.

Il campione del mondo con la Nazionale di Bearzot nell’82 ha continuato così: ‘Non offenderei mai alcun club, figuriamoci una società così gloriosa come il Liverpool. Il mio rispetto per un avversario che negli anni ho sempre affrontato con lealtà è fuori discussione’.

30 maggi0 1984: il ricordo di Emidio Oddi

La partita di stasera all’Anfield Road sarà speciale per tutti gli ex calciatori della Roma che, nel 1984, vennero sconfitti ai rigori dalla corazzata inglese. Bruno Conti e Roberto Pruzzo, nelle ultime ore, sono tornati nello stadio del Liverpool, scattandosi molti selfie. Bruno ha postato una foto che lo ritrae con Pruzzo, corredata dalla seguente didascalia: ‘Lo conoscete? Grande bomber’.

Non dimenticherà mai quel 30 maggio 1984 neanche Emidio Oddi, ex calciatore della Roma 62enne. Il ct però decise di metterlo in panchina. Oddi, in soldoni, non disputò la finale di coppa dei Campioni Roma-Liverpool. Dovette assistere al match dalla panchina. La breve parentesi alla Roma ha rappresentato per Emidio l’apice della sua carriera. L’ex calciatore della Roma, che oggi vive a Martinsicuro (Teramo), ricorda bene quella serata all’Anfield Road: ‘Me la ricordo come se fosse ieri quella notte. Tutta. A Roma era tutto pronto per fare festa, che ambiente! Ma noi sapevamo che sarebbe stata dura’.

La Roma perse ai rigori. I calciatori, secondo Oddi, non si erano preparati molto: ‘Non c’era un lista. E avevamo 3 rigoristi fuori, Pruzzo, Maldera e Cerezo. Quindi, il mister ha chiesto chi se la sentiva. E arrivati a Falcao lui ha detto che era stanco, meglio farli calciare a chi si sentiva bene. Da qui, la leggenda del grande rifiuto’.

Bruno Conti su Totti: ‘Ha avuto tutto’

Manca poco al big match Liverpool-Roma. Peccato che Totti non sarà in campo. L’ex numero 10 della Roma, comunque, sarà presente all’Anfield Road. Siederà vicino a Bruno Conti ed altri amici e colleghi.

‘Francesco dalla Roma e dalla Nazionale ha avuto tutto, ma se vogliamo il nostro addio è stata una cosa un po’ forzata e con mancanza di rispetto. Io ho deciso di smettere e non andare in un’altra società, e sicuramente quello che è successo a Francesco, con un tecnico che non si è comportato bene, l’ho rivissuto sulla mia pelle. Non meritava questo, io Francesco l’ho visto crescere e lo amo’, aveva dichiarato Conti, l’anno scorso, durante un’intervista a Roma Radio.

‘Se mi rivedo in qualcuno di questa squadra? Prima c’era Iturbe che aveva il mio stesso numero ma è successo quello che è successo. Adesso c’è Florenzi, è tanta roba in fase offensiva e difensiva. Ora la maglia numero 7 ce l’ha Pellegrini? Sono contento, è un ottimo giocatore e un bravo ragazzo’, aveva aggiunto l’ex bomber di Nettuno.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.