Loris, indizi schiaccianti a carico della madre: gip convalida fermo

By | 14 dicembre 2014
loading...

La giovane Veronica Panarello è stata messa , ieri, in carcere in quanto ritenuta responsabile dell’uccisione del figlio Loris Stival, 8 anni, avvenuta il 29 novembre scorso a Santa Croce Camerina.

Il gip Claudio Maggioni, ha convalidato il fermo della Panarello, che ora è in prigione ma si dichiara innocente. I magistrati, invece, ritengono che sia stata Veronica ad uccidere Loris: a confermarlo ci sarebbero i filmati registrati dalle videocamere di sorveglianza, ma anche piccole incrongruenze e contraddizioni. La donna, secondo i giudici, sarebbe instabile psicologicamente.

La Procura sostiene che “il pedinamento elettronico effettuato dalle telecamere, pubbliche e private, presenti sul territorio comunale di Santa Croce Camerina ha attestato in modo obiettivo gli spostamenti di Veronica Panarello la tragica mattina del 29 novembre, evidenziando il passaggio della sua auto in quel frangente, per ben due volte, in estrema prossimità al luogo del rinvenimento del piccolo Loris, in un arco temporale compatibile sia con l’ora del decesso, come determinato in sede di consulenza medico legale, sia con l’azione di occultamento del corpo esanime”.

Intanto Veronica Panarello vorrebbe partecipare alle esequie di Loris. Lo ha detto l’avvocato difensore della donna, Francesco Villardita, che ieri ha incontrato la sua assistita presso il carcere di Piazza Lanza a Catania. Veronica, lo ricordiamo, è accusata di omicidio aggravato e occultamento di cadavere. Accuse pesantissime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *