Luca Ricca morto misteriosamente a Londra: chitarrista degli Own Boo

By | 21 luglio 2016

E’ mistero sulla morte di Luca Ricca, 23enne bresciano trovato morto a Londra. Il giovane italiano sognava di sfondare nel mondo della musica. Per questo si era trasferito nella Capitale britannica.

Luca sogna di sfondare nel mondo della musica

Luca Ricca viveva e lavorava a Leeds da diversi mesi. Faceva il parrucchiere ma ama molto la musica. L’italiano era chitarrista degli Own Boo, gruppo di Brescia con cui aveva realizzato un disco pubblicato anche negli States. La diplomazia italiana e britannica stanno collaborando per scoprire le cause della morte di Ricca. I genitori di Luca, afflitti e sconcertati, sono arrivati a Londra. Il cadavere del parrucchiere italiano è stato scoperto martedì mattina. Luca aveva fatto perdere le sue tracce e poi è stato trovato senza vita. Perché? Perché un ragazzo pieno di vita e solare è morto così presto?

Come tanti ragazzi italiani, anche Luca amava la musica e strimpellava con la sua band, gli Own Boo. Il 23enne di Brescia, a un certo punto, ha deciso di recarsi in Gran Bretagna per lavorare e perfezionare il suo rock. Purtroppo nel Regno Unito ha trovato la morte.

Bacheca social di Luca Ricca piena di messaggi

loading...

Nelle ultime ore, la bacheca Facebook di Luca Ricca si sta riempiendo di numerosi messaggi di cordoglio, come “Il nostro caro amico Luca ci ha lasciato, siamo sotto choc. Ha portato felicità e allegria nelle nostre vite. Ci mancherai tantissimo”. Il chitarrista degli Own Boo era scomparso domenica scorsa, dopo aver passato una serata in un locale di Hackney, con i suoi amici. Solo martedì scorso, però, ne è stata denunciata la scomparsa. Qualche ora dopo la denuncia è stato fatto il tragico ritrovamento.

E’ avvolta nel mistero la morte di Luca Ricca, ragazzo che svolgeva con ardore la sua professione. Il 23enne pensava che la permanenza nel Regno Unito gli avrebbe dato tanto. Voleva perfezionarsi, sia come parrucchiere che come musicista. Qualcosa, di brutto, è accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *