Macron detestato dai francesi: non è umile

By | 6 maggio 2018

Macron contestato a Parigi: cortei di protesta anche a Tolosa e BordeauxIl presidente francese Emmanuel Macron perde smalto e il suo livello di fiducia presso il popolo cala sempre di più. La Francia dice ‘no’ al giovane presidente che avrebbe dovuto rivoluzionare una nazione connotata da molte criticità. Macron, per i francesi, non è vicino alle gente né umile. Il dato è il risultato di un sondaggio portato avanti recentemente da Odoxa-Dentsu Consulting, rilanciato recentemente dal tabloid transalpino Le Figaro.

Macron meglio di Hollande dopo un anno dall’elezione

Ben 6 francesi su 10 non vogliono che Macron si ricandidi alle prossime elezioni presidenziali, in programma nel 2022. Un dato che stupisce, poiché gran parte dei francesi reputa il giovane presidente capace di svolgere adeguatamente il suo mestiere. C’è qualcosa che non torna. Perché i francesi si sono già stancati di Emmanuel?

Il 59% dei francesi non auspica una ricandidatura di Macron alle prossime presidenziali. Duro colpo per il presidente 41enne. Una magra consolazione per Emmanuel proviene dal raffronto con il grado di preferenza che aveva il suo predecessore dopo un anno dall’approdo all’Eliseo: il 77% dei francesi non voleva che si ricandidasse alle presidenziali.

Lontano dal popolo

Emmanuel Macron è giovane, istruito, competente e veicolo di rinnovamento. Qualità importanti per un presidente. Quello però che fa storcere il naso a 6 francesi su 10 è la sua lontananza dai ceti deboli e poveri. In poche parole, Macron è lontano dalle persone e non è per niente umile.

Il 72% dei francesi considera le riforme del giovane Macron ‘socialmente ingiuste’. Molti hanno già ribattezzato il 41enne come ‘presidente dei ricchi’.

Gael Sliman, presidente di Odoxa, ha così commentato il risultato del sondaggio: ‘Questa percezione probabilmente continuerà, con più o meno intensità, fino alla fine del suo mandato quinquennale ed è chiaramente ciò che impedisce ai francesi, per il momento, di tracciare una valutazione complessiva positiva di un anno di presidenza Macron’.

Proteste a Parigi, Bordeaux e Tolosa

Intanto nelle ultime ore molti francesi sono scesi in piazza per contestare Macron e le sue riforme. Oltre 2mila poliziotti hanno presidiato il corteo che ha sfilato per le vie del centro di Parigi. Tanta gente urlava frasi contro Macron e la sua politica iniqua. Proteste anche a Bordeaux e Tolosa connotate dal claim ‘Vogliamo fare la festa a Macron’.

Quelle di ieri, in Francia, sono state le ultime di una lunga lista di proteste organizzate negli ultimi tempi, anche nelle università, contro le riforme in cantiere del presidente francese. Sembra che Macron abbia deciso di rendere più rigoroso l’accesso alle università.

Cala anche la popolarità del primo ministro francese

Riforme e carenza di umiltà a parte, è certo che il grado di popolarità di Macron è diminuito notevolmente negli ultimi mesi. Non va meglio per il primo ministro Edouard Philippe. Anche lui ha perso molta popolarità. Secondo un sondaggio Odoxa-La Depeche, Macron e Philippe sono percepiti come ‘buon presidente’ e ‘buon primo ministro’ solo dal 43% dei francesi.

Dallo scorso dicembre, il presidente francese e il primo ministro avrebbero perso rispettivamente 11 e 14 punti. Il calo del consenso si sarebbe registrato sia a sinistra che a destra.

Tra le riforme targate Macron più detestate dai francesi ci sarebbero l’eliminazione delle piccole linee ferroviarie e la riduzione del limite di velocità a 80 km/h sulle strade secondarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *