Mantova, scuolabus si ribalta: 23 bimbi feriti

By | 8 gennaio 2018

Mantova scuolabus CastellucchioUno scuolabus è uscito fuori strada e si è ribaltato. Sul mezzo c’erano circa 50 bimbi, che si sono ritrovati in un fosso. L’incidente è avvenuto dopo le 13 nei pressi di Castellucchio, in provincia di Mantova. L’azienda regionale di emergenza (Areu) ha dichiarato che nessuno avrebbe riportato gravi lesioni. Sul luogo dell’incidente sono arrivati un’automedica, un elisoccorso e due ambulanze. Ancora non si conosce i motivo per cui lo scuolabus è uscito fuori strada sulla statale Padana inferiore, tra Castellucchio e Ospitaletto.

Nel fossato profondo diversi metri

Tanta paura stamattina per una cinquantina di bambini a bordo di uno scuolabus. Il mezzo è finito all’improvviso in un fossato profondo diversi metri.

23 alunni hanno riportato lesioni ma, secondo gli operatori del 118, nessuno è in pericolo di vita.

Il personale sanitario ha detto che 8 feriti sono stati già trasportati all’ospedale: 6 a Mantova e 2 (autista e una bimba) a Brescia. Non è escluso che l’autista dello scuolabus abbia avuto un malore.

Allestito un ospedale da campo

Al fine di verificare le condizioni di salute di tutte le persone che si trovavano a bordo del pullman, è stato creato una specie di ospedale da campo. Prima di tornare a casa, infatti, ogni bimbo deve essere sottoposto allo scrupoloso esame degli operatori del 118.

Le notizie che ci sono pervenute da Castellucchio non sono certamente esaustive.

Vigili del fuoco con autogru

Sul luogo dell’incidente sono arrivati anche i vigili del fuoco, che hanno consentito a due alunni di uscire dal mezzo. I pompieri stanno togliendo lo scuolabus dal fossato con un paio di autogru.

Sullo scuolabus viaggiavano sia ragazzi delle medie che delle elementari di Castellucchio. Tornavano a casa, dopo la giornata scolastica.

L’ipotesi più autorevole, per il momento, è quella del malore dell’autista. Il mezzo è finito nel fossato e si è coricato su un fianco. Le forze dell’ordine continuano comunque ad indagare sulla vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *