Massimo D’Alema vuole reintrodurre l’Imu: ecco chi la dovrebbe pagare

By | 29 novembre 2017

Massimo D’Alema è tra i favorevoli a una reintroduzione dell’Imu, una delle tasse più detestate dagli italiani. L’ex premier, attuale leader di Mdp, ha espresso la sua opinione nei salotti di ‘Otto e mezzo’, programma condotto da Lilli Gruber. D’Alema ha affermato che lui, nonostante i suoi alti guadagni, non paga l’Imu: ‘Una famiglia dove entrano 3.500-4.000 euro è in grado di pagarla, chi ha un reddito basso non deve pagarla, chi ha reddito medio-alto la deve pagare’.  Insomma, Massimo D’Alema, pur essendo in grado di pagare l’Imu non sborsa nulla perché la tassa sulla prima casa è stata abolita. E’ così sbagliato il ragionamento del leader di Mdp?

Niente bonus e più fondi per la ricerca

Durante l’intervista rilasciata a ‘Otto e mezzo’, Massimo D’Alema ha voluto far intendere che se lui fosse premier non abbasserebbe certamente le tasse in maniera universale e non si metterebbe ad erogare bonus a destra e manca.

Lo scopo principale, per D’Alema, è finanziare la ricerca e gli investimenti e non prevedere i più svariati bonus, come quelli bebè e per i 18enni.

D’Alema: “Sbagliato dire ‘meno tasse per tutti'”

Non è giusto dire, secondo il leader di Mdp, ‘meno tasse per tutti’ in una nazione in cui il 20% della popolazione possiede il 70% ed evade costantemente molto.

‘Non c’è l’Imu sulle case di lusso. C’è qualcosa che non funziona. I soldi non ci sono? Basta non sprecarli in bonus…’, ha aggiunto Massimo D’Alema, pronto a ricandidarsi nuovamente alle prossime elezioni politiche, ‘ma ci sarà una consultazione’.

La replica all’ironia pungente di Orfini

Tempo fa, il presidente del Pd, Matteo Orfini avrebbe detto che Massimo D’Alema ‘fa ridere’. L’ex premier ha detto che conosce Orfini da quando era un bambino e già per questo non può permettersi di proferire certe parole. Il presidente del Pd avrebbe così ostentato quella boria tipica di Renzi e della sua combriccola. Quella strafottenza che, secondo D’Alema, non piace a gran parte degli italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *