Melania Trump spende meno di Michelle Obama per lo staff

By | 22 ottobre 2017

Usa, staff Melania Trump è economicoSebbene suo marito sia ricchissimo, spende meno di Michelle Obama per lo staff. Come avrete capito, stiamo parlando di Melania Trump, moglie del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Da un’indagine condotta da Fox News è emerso che Melania Trump ha meno aiutanti rispetto a quelli che aveva Michelle Obama, quando era first lady. Strano ma vero. Durante il primo anno alla Casa Bianca, Michelle Obama era stata affiancata da 16 persone (poi diventate 24) che percepivano oltre un milione di dollari ogni anno. Da giugno ad oggi, invece, Melania Trump è stata coadiuvata solamente da 4 persone (poi diventate 9) che hanno guadagnato 486.700 dollari. Ogni anno la Casa Bianca trasmette al Congresso un report contenente i nomi di tutti coloro che compongono lo staff, le loro mansioni e gli stipendi percepiti. Ebbene, dalla recente relazione si evince che l’ufficio di Melania Trump è addirittura più piccolo di quello di Hillary Clinton e Laura Bush. Il primato, però, era stato raggiunto dalla moglie di Barack Obama: Michelle era aiutata da 24 persone.

Pochi aiutanti per Melania Trump

Se pensate che Melania Trump costi di più alle casse dello Stato, rispetto alle altre first lady, sbagliate. Finora la Casa Bianca ha speso ‘solo’ 486.700 dollari per i suoi pochi aiutanti. Tutto ciò, però, ha un motivo: Michele Obama aveva bisogno di più aiutanti perché, una volta approdata alla Casa Bianca, aveva un’agenda più ‘aggressiva’; insomma aveva molti impegni rispetto alla moglie di The Donald. Michelle lanciò proprio dall’East Wing della Casa Bianca anche l’iniziativa ‘Let’s Move!’ contro l’obesità infantile.

Melania Trump, a differenza della Obama, ha trascorso a New York i primi mesi da first lady, prendendosi cura del figlio Barron.

Stephanie Grisham, direttrice della comunicazione di Melania, ha scritto in una email inviata a Fox News: ‘Melania pretende che il suo staff sia in buona forma. Non è interessata alla quantità ma all’armonia tra i membri del suo entourage. Tutti devono lavorare bene insieme. Anche lei vuole essere responsabile quando si tratta d denaro dei contribuenti’. 

Ogni anno dunque la Casa Bianca è tenuta a documentare al Congresso il numero delle persone che formano lo staff e i compensi che percepiscono. Sia l’amministrazione Obama che quella Trump hanno però riconosciuto che nel report non sono state incluse varie figure che lavorano per la first lady. Alcuni funzionari della Casa Bianca hanno riferito che, a un certo punto, durante la presidenza Obama, Michelle era arrivata ad avere 24 aiutanti.

I pochi progetti di Melania

Dall’elenco relativo alle persone che supportano Melania Trump si evince che l’attuale first lady è aiutata solo da un capo del personale, da un direttore delle comunicazioni, da un vice capo del personale e da un’altra figura. Michelle Obama si avvaleva di tali assistenti e di molti altri ancora; addirittura più di Hillary Clinton (19 assistenti) e Laura Bush (18 collaboratori).

Era prevedibile che Melania Trump avesse meno collaboratori rispetto a chi l’aveva preceduta, alla Casa Bianca. Lo stesso Donald Trump, mesi fa, aveva fatto intendere di voler ridurre il numero di collaboratori della first lady.

Anita McBride, donna che lavora da anni a stretto contatto con presidenti Usa e first lady, aveva ipotizzato un forte taglio dello staff di Melania Trump in virtù dei pochi progetti della moglie di Donald Trump. La logica è semplice: meno progetti da realizzare e meno spese per gli aiutanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *