Meningite a Firenze: morta 45enne

By | 21 novembre 2016

La meningite di tipo C ha fatto un’altra vittima in Toscana. Nelle ultime ore è morta una 45enne all’ospedale Santa Maria Nuova di Firenze. La donna, secondo le prime indiscrezioni, era arrivata in pessime condizioni al nosocomio fiorentino. I medici hanno fatto il possibile per salvarla ma, stamane, è deceduta.

La donna non si era vaccinata contro la meningite

Successivamente alla morte della 45enne, i medici e le strutture sanitarie hanno subito iniziato a compiere gli accertamenti necessari a risalire a tutti coloro che erano venuti in contatto, negli ultimi giorni, con la vittima della meningite. Tali soggetti devono assolutamente essere sottoposti alla profilassi contro il meningococco di tipo C. Sembra che la 45enne non si fosse sottoposta alla vaccinazione contro il meningococco C. Ennesimo caso di meningite in Toscana. Dal 2015 ad oggi i casi registrati sono stati più di 50. L’Asl di Firenze ha reso noto che, dopo il decesso della donna, i medici hanno effettuato molti esami, tra cui il test di pcr, poi trasmesso al laboratorio di immunologia dell’ospedale Meyer di Firenze. La diagnosi di infezione da meningococco di tipo C è stata confermata. E’ costato caro alla 45enne di Firenze non sottoporsi all’immunizzazione contro il meningococco C. Il vaccino avrebbe potuto salvarle la vita.

Meningite: 6 vittime in Toscana dall’inizio dell’anno

Sono 6, dall’inizio dell’anno, i decessi dovuti alla meningite in Toscana (1 a Pistoia, 1 a Lucca, 1 a Prato, 2 a Empoli, 1 a Firenze). L’anno scorso la meningite ha ucciso 7 persone. La Regione Toscana ha ricordato in queste ore, ancora una volta, che la vaccinazione è l’arma fondamentale per contrastare la meningite. Finora i toscani vaccinati sono più di 700.000. Stefania Saccardi, assessore regionale alla Salute, si è detta preoccupata per l’ennesimo decesso in Toscana dovuto alla meningite. La Saccardi ha invitato la popolazione a vaccinarsi, sottolineando che anche lei lo ha fatto. In Toscana la campagna straordinaria di vaccinazione contro il meningococco C è stata estesa fino al 31 marzo del 2017.

La circolare della Lorenzin

Lo scorso febbraio il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e l’assessore regionale alla Salute, Stefania Saccardi, hanno raggiunto un’intesa sulla campagna di vaccinazione intensiva in Toscana, prevedendo la sua gratuità. L’accordo è stato raggiunto dopo il boom di casi di meningite registrati nella Regione nel giro di pochi mesi. Dopo l’annuncio del piano straordinario di vaccinazioni, i centralini delle Asl toscane sono andate in tilt perché moltissime persone volevano subito vaccinarsi. Sembra che nell’arco di 24 ore siano arrivate alle Asl di Prato, Firenze e Pistoia 2.647 richieste.

Nonostante la vaccinazione gratuita, però, in Toscana si continua a morire di meningite. La 45enne morta nelle ultime ore a Firenze non si era sottoposta a immunizzazione ed ha pagato con la vita la sua leggerezza. Con la meningite non si scherza. Molti commercianti toscani si sono lamentati del fatto che il boom di casi di meningite abbia inciso negativamente sul turismo. In sostanza, sembra che ci sia paura di visitare Firenze e le altre città toscane. Il ministro della Salute, lo scorso 1 marzo 2016, ha emesso una circolare per raccomandare la vaccinazione a tutti coloro che si accingono a trascorrere in Toscana periodi ‘lunghi e continuativi’, come lavoratori di altre regioni e studenti universitari fuori sede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.