Meningite a Brescia, 33enne non risponde alla terapia

By | 21 gennaio 2018
loading...

Brescia: 33enne ricoverato con meningite battericaLe prime cure non hanno funzionato. Il 33enne ricoverato agli Spedali Civili di Brescia nei giorni scorsi con i tipici sintomi di una meningite batterica versa in gravi condizioni. L’uomo, residente in Vallecamonica, è in coma da mercoledì scorso. La terapia iniziale, a detta dei medici, non ha funzionato. Brescia finita nella spirale della meningite. Nei giorni scorsi era stato ricoverato al Civile un bimbo di 3 anni, che però era guarito.

Il piccolo di Brescia ce l’ha fatta

‘Voglio rivolgere un sentito ringraziamento a Fabio, al Don e a tutti voi perché le vostre preghiere ci sono arrivate forti’, aveva detto nei giorni scorsi la mamma del piccolo ricoverato per meningite. Grazie all’abilità e alla solerzia dei medici, il bambino era uscito presto dal reparto di terapia intensiva.

‘È ancora debole e provato, ma è un bambino forte e pian piano tornerà quello di sempre. Grazie di cuore, le vostre preghiere e la vostra solidarietà ci hanno sostenuto molto in tutte queste ore drammatiche’, aveva scritto la madre del bambino nella pagina Facebook ‘Sei di Milzano se…’.

Dopo il periodo di osservazione, il piccolo paziente con meningite era stato reputato fuori pericolo. Adesso si attende la guarigione del 33enne colpito da meningite batterica.

La meningite batterica

Quella batterica è la forma più rara e pericolosa di meningite. Una forma che può portare alla morte se non trattata rapidamente e in maniera efficace. La forma più comune di meningite, comunque, è quella virale.

Diagnosticare la meningite non è spesso semplice per i medici perché i sintomi sono analoghi a quelli influenzali. Per ridurre il rischio di contagio occorre rispettare le semplici e comuni norme igieniche o immunizzarsi.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *