Mihajlovic nuovo allenatore del Torino: “Questa è una piazza unica”

By | 25 maggio 2016

Il nuovo allenatore del Torino è Sinisa Mihajlovic. L’allenatore croato, dopo la fallimentare stagione col Milan diventa, dunque, granata. Per lui un contratto biennale. Finalmente, dopo tanti rumors, è arrivata l’ufficialità. Il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha annunciato così, sul sito web del club, l’avvento dell’ex ct del Milan:

“A nome di tutta la società do il benvenuto a Sinisa Mihajlovic e al suo staff. Credo che dopo l’ottimo lavoro svolto insieme a Giampiero Ventura e ai suoi collaboratori, che ancora ringrazio, il mister Mihajlovic possa rappresentare la scelta ideale per proseguire nel percorso intrapreso in questi ultimi anni: ha già dimostrato di saper lavorare molto bene con i giovani, è ambizioso e incarna quelle doti di temperamento che da sempre connotano il Toro”.

loading...

Il croato archivia così la sua avventura al Milan ed approda sulla panchina del Torino. Eppure c’è chi, come Abbiati, ritiene che il Milan non doveva esonerare Mihajlovic. Il club rossonero ha indubbiamente guardato i risultati, certamente insoddisfacenti, più che le doti del ct. Sinisa è felice di iniziare un nuovo percorso sulla panchina del Torino:

“Voglio ringraziare il presidente Cairo, il direttore Petrachi e tutto il Torino per la fiducia che hanno riposto in me. Poter lavorare in una società dalla storia gloriosa e prestigiosa come il Toro è per me motivo di grandissimo orgoglio. Questa è una piazza unica, il pubblico granata è conosciuto in tutta Italia per la sua passione, per il suo grande attaccamento alla squadra, per quel suo forte senso di attaccamento alla maglia. Sono valori importanti, in cui mi riconosco, anche per questo non vedo l’ora di cominciare”.

Una grande soddisfazione per Sinisa Mihajolovic, che prende il posto di Giampiero Ventura, nuovo ct della Nazionale. Due giorni fa, invece, il Milan ha rescisso il contratto con Mihajlovic, ed ora l’allenatore ha potuto firmare il contratto che lo lega al Torino per due anni, durante i quali dimostrerà di che pasta è fatto. Ad esonerare Mihajlovic dal Milan è stato, oltre un mese fa, il presidente Berlusconi nel corso di un incontro a cui prese parte anche Adriano Galliani. Sembra che al presidente non siano andati giù i punti persi con squadre piccole, quelle della zona bassa della classifica; inoltre a Berlusconi non sono mai piaciuti quei cali  fisici del team negli ultimi 30 minuti di gioco. Sinisa, inoltre, non avrebbe mai dato peso ai consigli dell’ex Cavaliere; anzi una volta, ironicamente, chiese chi avesse autorizzato il presidente ad esprimere opinioni in tema di calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *