Mika omaggia eroi gay adolescenziali con “No place in heaven”

0

Uno degli artisti più talentuosi ed eccentrici degli ultimi anni, Mika, torna con un nuovo disco e un nuovo tour. La nuova fatica del cantautore anglo-libanese è intitolato “No place in heaven” ed è, a detta dello stesso artista, “trasparente e lineare”.

“Mi sono liberato dei sensi di colpa e della vergogna, ho buttato fuori la mia sessualità e omaggiato i miei idoli gay: da Elton John a Freddie Mercury. Negli ultimi quattro anni sono cambiato molto, prima avevo paura ad espormi e dicevo molti no. Poi è arrivata la tv e la voglia di vincere la paura, senza più nascondermi. Prima mi proteggevo, poi ho deciso di uscire allo scoperto. Mi sono detto, ‘sono arrivato a 30 anni e se non sono adesso me stesso, quando lo diventerò?’. Così ho ‘buttato fuori’ tutta la mia sessualità, con il cuore leggero e la testa seria. Ho trovato il coraggio di essere un uomo vero“, ha dichiarato Mika nel corso della presentazione della sua nuova ‘fatica’ a Milano.

Relativamente alle sue origini libanesi, Mika ha confessato: “Se sei libanese per il 50 per cento è tutto più complicato, ogni tanto penso che anche mia mamma, che è orgogliosissima di me, in una piccolissima percentuale vorrebbe un figlio sposato, con una moglie e i bambini con cui organizzare il pranzo e le vacanze dai parenti, invece mi deve seguire come una zingara, scegliere per me i vestiti di X Factor…”.

“No place in heaven” non contiene canzoni in italiano perché Mika ancora non si sente pronto: “E’ troppo difficile cantare in italiano, anche se il francese mi ha aiutato molto, grazie a X Factor ho imparato a conoscere la musica italiana, ma non ero ancora pronto per dei brani”. Un pensiero anche per Morgan: “E’ un artista molto competente, pieno di grinta, fuori dal talent, senza tutta quella pressione, ho visto la vera persona. Mi piacerebbe lavorare ancora con lui ma in solitudine, senza distrazioni attorno”. Su Fedez, invece, Mika ha asserito: “La sua vita è un po’ complicata, è una persona che lavora tanto e che ha voglia di fare tante cose, sta gestendo una vita che è sempre sotto pressione ed è normale che si verifichi qualche incidente”.

Mika ha confessato che “No place in heaven” è un disco “imperfetto, fatto a mano… Trasparente nei testi e nel suono, ho voluto confezionare un misto di pop e canzoni più intime, ispirandomi molto agli anni ’60 e ’70”.

Tutte le canzoni comprese in “No place in heaven” sono omaggi ai suoi eroi gay durante il periodo adolescenziale, da Freddy Mercury a Rimbaud.

Mika, gay dichiarato, dice di non ambire al Paradiso, accontentandosi di stare dove si trova e di essere quello che è. “Non place in heaven”, quarto disco della sua carriera, uscirà il prossimo 15 giugno 2015. Poi il tour. Il bizzarro artista si esibirà in varie città italiane, come Taormina, Roma, Cattolica e Firenze.

Una curiosità. Mika ha scritto le canzoni del suo ultimo disco in una villa di Hollywood: ” Avevo affittato una villa su Internet e ho scoperto a mie spese che ogni tre quarti d’ora si fermava un bus di visite guidate alle case delle star. Non sapevo che quella fosse la casa di Orlando Bloom, e tantissimi turisti mi scambiavano per lui. Un tormento”.

Piperina e Curcuma in OFFERTA, Pagamento alla consegna GRATIS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.