Minorenni arrestati a Roma: picchiarono coetaneo in metro

By | 9 febbraio 2018

Roma-minorenni-arrestati-per-pestaggio-coetaneoOtto minorenni di Roma, tra i 15 e i 17 anni, sono stati arrestati per lesioni personali in concorso, aggravate da futili motivi. I minorenni avevano picchiato un coetaneo su un vagone della linea A della metropolitana capitolina. La banda di giovani delinquenti si era scagliata contro l’adolescente tra le stazioni di Numidio Quadrato e Subaugusta. La vittima del pestaggio era stato subito trasportato all’ospedale. Quei calci e pugni erano stati forti, tali da provocargli numerosi traumi alla spalla e al cranio, nonché la frattura di una vertebra. L’arresto è stato disposto dal gip del Tribunale per i Minorenni di Roma, dietro richiesta della Procura.

loading...

La caduta e la frattura

Tanti calci e pugni. Poi la caduta rovinosa. Un ragazzino, diversi mesi fa, era rimasto vittima della violenza cieca di 8 coetanei. Un pestaggio in piena regola su un vagone della metropolitana di Roma. Dopo svariate indagini, i giovani picchiatori sono stati rintracciati ed arrestati dai carabinieri della Stazione Cinecittà e della Compagnia Casilina.

Il pestaggio a Napoli

Non solo a Roma. I pestaggi commessi da minorenni ai danni di altri minorenni avvengono anche in altre città. Lo scorso gennaio, ad esempio, un 15enne di Napoli è rimasto vittima del branco nei pressi della stazione metro di Chiaiano. Una quindicina di minorenni si sono scagliati contro di lui con una violenza inaudita, senza motivo. Il caso ha destato scalpore sia per la furia della combriccola che per le lesioni causate al 15enne: i medici dell’ospedale ‘San Giuliano’ di Giugliano in Campania sono stati costretti ad asportargli la milza.

La madre del 15enne napoletano picchiato aveva detto ai microfoni del Tgr Campania: ‘Gli hanno chiesto di dove fosse, lui non ha risposto ed è scattata la violenza. La prossima volta a chi toccherà?’.

Il raid davanti alla stazione di Chiaiano aveva sconcertato anche il questore di Napoli De Iesu, che aveva parlato di ‘assurda e immotivata violenza aggressiva di un branco’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *