Arte e cultura

Miracolo di San Gennaro si ripete: cardinale Sepe annuncia il prodigio di maggio

Oggi, 6 maggio 2017, si è ripetuto il miracolo di San Gennaro. Il sangue del patrono di Napoli si è sciolto alle 20.04. Quello avvenuto oggi è il cosiddetto miracolo di maggio, che si è verificato, come al solito, nella Basilica di Santa Chiara, a Napoli. Le ampolle contenenti il sangue di San Gennaro erano state condotte in processione per le vie del centro storico del capoluogo campano.

San Gennaro, il primo miracolo del 2017

Ad annunciare il miracolo di maggio di San Gennaro è stato il cardinale Crescenzio Sepe, che ha permesso ai fedeli di baciare le ampolle contenenti il sangue del martire cristiano ossequiato sia dalla Chiesa cristiana che da quella ortodossa. Il sangue del patrono di Napoli si era sciolto lo scorso 16 dicembre 2016, alle 10.38. L’evento religioso atteso dai napoletani avviene solitamente tre volte l’anno: il 19 settembre (giorno della morte di San Gennaro), il 16 dicembre (giorno in cui il santo riuscì ad evitare, nel 1631,  che la lava del Vesuvio lambisse la città) e il sabato antecedente la prima domenica di maggio (ovvero la data dello spostamento della salma del patrono di Napoli).

Il miracolo di San Gennaro, il primo del 2017, era molto atteso e, fortunatamente, è avvenuto ancora una volta. Il cardinale Crescenzio Sepe ha fatto tirare un sospiro di sollievo a tanti napoletani che attendevano, speranzosi, la lieta notizia. Sì perché la liquefazione del sangue del martire cristiano può avvenire prima o dopo la processione; oppure non può avvenire. Tutti segni infausti, secondo la tradizione. A dicembre 2016, ad esempio, il sangue si era sciolto dopo diverse ore dall’apertura della reliquia.

Perché il sangue del martire cristiano si scioglie?

Sebbene i fedeli di San Gennaro attribuiscano lo scioglimento del sangue all’intenzione del santo, secondo la scienza la liquefazione è determinata dal movimento dell’ampolla da parte del cardinale. Il miracolo della liquefazione del sangue del martire cristiano è stato accertato per la prima volta nel 1389.

Non è detto che il miracolo di San Gennaro avvenga sempre. A volte il sangue non si è sciolto, come nel 1939 e nel 1940, ovvero in concomitanza con l’inizio della Seconda Guerra Mondiale, e nel settembre del 1980, quando un violento terremoto devasto l’Irpinia. Insomma, sembra che la mancata liquefazione del sangue di San Gennaro non rappresenti proprio un segno fausto. E’ capitato, inoltre, che il sangue si sia sciolto in date diverse da quelle tradizionali. Il miracolo di San Gennaro, ad esempio, avvenne il 24 gennaio 1799. Il generale di Napoleone Jean Étienne Championnet, dopo aver chiesto ai religiosi napoletani di predicare ordine e pace, prese in mano l’ampolla e, meravigliosamente, il sangue di San Gennaro si sciolse. E’ per questo che a Napoli, ancora oggi, tutti conoscono quello che è stato ribattezzato il ‘miracolo di Championnet’.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.