Misurare il diabete tramite un raggio laser

By | 22 agosto 2014

Diabete nuove misurazione ai raggi laser

diabete
Il diabete può essere tenuto sotto controllo misurando il livello di glucosio presente nel sangue dei pazienti.

Un nuovo progetto, sviluppato dalla professoressa Claire Gmachl, del Dipartimento di Ingegneria dell’unievrsità di Princeton, spiega gli scopi di questa ricerca: “Stiamo lavorando duramente per trasformare le soluzioni ingegneristiche in strumenti utili per le persone, da utilizzare nella vita quotidiana. Con questo lavoro speriamo di migliorare la vita di molti malati di diabete che dipendono dal monitoraggio del glucosio nel sangue.”

In un articolo pubblicato il 23 giugno sulla rivista Biomedical Optics Express, i ricercatori espongono il metodo con il quale sono riusciti a misurare la glicemia, semplicemente indirizzando il loro laser sul palmo della mano di un paziente. Il laser passa attraverso le cellule della pelle, senza causare danni, e viene parzialmente assorbito dalle molecole di zucchero nel corpo del paziente. I ricercatori utilizzano la quantità di assorbimento per misurare il livello di zucchero nel sangue.

Sabbir Liakat, autore principale dello studio, ha detto che la stessa equipe si è mostrata sorpresa dalla precisione del metodo.
“Ora funziona ma stiamo ancora cercando di migliorarlo”, ha detto Liakat, laureato in ingegneria elettrica.

Lo strumento creato non è di grandi dimensioni, come si potrebbe immaginare, ma abbastanza piccolo da occupare al massimo un piccolo banco.
Il primo problema che si è presentato ai creatori del dispositivo laser è stato quello del raffreddamento, ma ora Gmachl ha detto che esso è già stato risolto, in modo da garantire il funzionamento del laser anche a temperatura ambiente.

Il passo successivo è quello di ridurne ulteriormente le dimensioni, da renderlo talmente piccolo da essere trasportabile e vendibile direttamente ai pazienti affetti dal diabete ad una cifra moderata e non soltanto alle aziende ospedaliere.
Ma Come funziona il dispositivo laser? Cerchiamo brevemente di spiegarlo.

La chiave del sistema è la frequenza del laser infrarosso. I nostri occhi vedono solo certe lunghezze d’onda, il rosso presenta la lunghezza d’onda più bassa visibile ad occhio nudo; i raggi infrarossi si trovano al di sotto di questa lunghezza d’onda, per noi invisibile. I dispositivi medici attuali utilizzano spesso il “vicino infrarosso”, che è appena oltre ciò che l’occhio può vedere. Questa frequenza non è bloccata dall’acqua, ma l’attraversa, ed il nostro organismo essendo formato al 90% da acqua si lascia tranquillamente attraversare dal vicino infrarosso. Ma non interagisce con molti acidi e sostanze chimiche nella pelle, in modo che lo rende poco pratico da utilizzare per la rilevazione di zucchero nel sangue. La luce media a infrarossi, però, non è influenzata dalle altre sostanze presenti nel nostro corpo ma solo dal glucosio, così da darci delle stime dei suoi livelli nel sangue sufficienti a tenere sotto controllo il diabete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.