Modella bengalese Risila Binte si impicca in diretta su Skype: perché?

By | 2 agosto 2017

Modella bengalese Risila Binte si suicida in diretta Skype, problemi col maritoOrmai il web è diventato anche ‘terreno dei suicidi’. Molte persone, finora, si sono tolte la vita durante sessioni di chat o in diretta sui social. A farla finita, di recente, è stata la modella bengalese Risila Binte, 22 anni. La donna si è suicidata in diretta su Skype, mentre parlava col marito, Imrul Hasan. La relazione tra i due, negli ultimi tempi, era alquanto turbolenta. Sarebbe stata proprio la crisi con il marito a portare Risila a togliersi la vita, lasciando increduli parenti e amici che, in queste ore, stanno ricevendo le condoglianze dal popolo del web. La 22enne si trovava nella sua casa di Dacca quando ha commesso il gesto insano. La figlioletta di 3 anni era dai nonni in quel momento. La prima a scoprire il cadavere della modella è stata la madre, allarmata dal genero. Un gesto terribile, inaspettato, che getta nello sconforto il mondo della moda. Binte aveva una carriera stellare davanti a sé. I problemi familiari, purtroppo, hanno infranto tutti i suoi sogni.

Cadavere scoperto dalla madre di Risila

loading...

Non appena la madre della modella ha visto il cadavere in casa ha chiamato le forze dell’ordine e il personale sanitario. I medici hanno decretato il decesso di Risila. La modella si sarebbe impiccata durante una videochiamata col marito. Quest’ultimo dovrà fornire agli inquirenti molte informazioni. L’episodio tragico risale a lunedì scorso, alle 14. Il corpo esanime della Binte è stato subito portato in ospedale per l’esame autoptico. La Polizia ha riferito che attualmente non si esclude nessuna pista anche se l’ipotesi più accreditata è quella della crisi coniugale. Risila era angosciata per la relazione col marito, ultimamente molto precaria e piena di incomprensioni. La modella era anche molto studiosa: stava per conseguire la laurea in letteratura inglese presso l’Atish Dipankar University of Science and Technology.

Risila Binte era depressa?

Forse è stata la depressione ad uccidere la giovane modella bengalese, il mal di vivere dipendente da un rapporto coniugale che recentemente si era incrinato. Si dovranno stabilire le circostanze della morte della 22enne ma è certo che prima del suicidio la donna aveva problemi col marito, l’uomo con cui aveva avuto una figlia. Gulshan Abu Bakar Siddiki, comandante della Polizia di Dacca, ha confermato che la donna è stata trovata impiccata in casa.

Un’altra modella che decide di togliersi la vita. Risila Binte, a differenza di molte altre sue colleghe, non ha deciso di suicidarsi per l’incapacità di mantenere il peso forma o per la depressione dovuta all’anoressia ma per problemi di famiglia. Non riusciva più ad entrare in sintonia col marito. Anche Risila era depressa ma per gli attriti con il coniuge. Il mal di vivere ha mietuto un’altra vittima. Purtroppo, a differenza di altre patologie, quelle psichiche non vengono spesso considerate come fonti di grande disagio e quindi di morte. Possibile che nessuno si era accorto che Risila stava soffrendo ed andava aiutata? Possibile che neanche il marito si era reso conto che la moglie aveva bisogno di aiuto, che stava male e da un momento all’altro avrebbe potuto compiere qualche gesto inconsulto? O forse la 22enne nascondeva i sintomi tipici della depressione, facendo credere che a tutti che stava bene?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *