Montella esonerato dal Milan, arriva Gattuso: in futuro Conte?

By | 27 novembre 2017

Il ct partenopeo del Milan, Vincenzo Montella, termina la sua avventura a Milan. E’ arrivato in queste ore l’esonero. Forse se l’aspettava, visti i recenti risultati, non proprio esaltanti, ottenuti dalla sua squadra. Dopo lo 0-0 contro il Torino, il club milanese ha deciso così di sollevare dall’incarico Montella, consegna la panchina a Gennaro Gattuso. Una decisione, quella presa dal Milan, dettata dal pessimo andamento della squadra (6 disfatte su 14 partite disputate e zona Champions sempre più lontana). Un esonero che era nell’aria. Montella non era riuscito a risalire la china, a riportare la squadra alla vittoria. Ora è il momento del ct della Primavera del Milan.

20 punti in 14 partite, la Roma è lontana

Squadre la Roma sono lontane dal Milan, che ha ottenuto solo 20 punti in 14 partite di campionato. La Roma, al quarto posto, ha 11 punti in più del Milan. Inutile dunque la ‘faraonica’ campagna acquisti estiva.

Al Milan manca quella marcia necessaria per vincere. Nomi e talento non mancano certamente. Cosa manca allora per vincere? Il ct Montella non ce l’ha fatta, ha fallito, ed ora è arrivato l’esonero. Forse si era anche incrinato il rapporto con la dirigenza e la proprietà. Chissà?

6 partite perse su 14, in serie A, pesano non poco. Il Milan è ormai lontano dalla parte alta della classifica. A salvare Montella non è servito neanche il successo in Europa League (il Milan ha già passato il turno).

Eppure Montella era ottimista

Vincenzo Montella era sembrato sempre ottimista durante le recenti conferenze stampe. Secondo luil asquadra si sarebbe rimessa in sesto; invece ha continuato ad incassare risultati deludenti, compreso lo 0-0 contro il Torino. Un andamento pessimo dovuto alle continue sperimentazioni. Montella non era riuscito a trovare la formazione giusta.

Gennaro Gattuso dovrà traghettare il Milan. A lui un ruolo certamente non semplice in attesa della nomina del nuovo ct. C’è già chi parla di Antonio Conte. Presto, comunque, per tirare fuori nomi così importanti.

Esonero annunciato su Twitter

L’annuncio dell’esonero di Montella è arrivato su Twitter: ‘#ACMilan comunica l’esonero di @VMontella dall’incarico di allenatore della Prima Squadra. La conduzione tecnica è affidata a Gennaro Gattuso, che lascia il suo incarico di allenatore della Primavera, e al quale rivolgiamo i più calorosi auguri di buon lavoro’.

Il passo di Vincenzo Montella al Milan è stato agrodolce: in 64 partite sulla panchina rossonera ha ottenuto 32 trionfi, 14 pareggi e 18 sconfitte (sia in Campionato che nelle Coppe). Tirando le somme, Montella ha vinto la metà delle partite disputate.

I fischi dei tifosi

Dopo il match contro il Torino, i tifosi del Milan hanno iniziato a fischiare, stanchi di una squadre che sembra abbia perso la capacità di vincere in casa.

‘Abbiamo condotto la partita dall’inizio alla fine, creando 6-7 palle gol nitide e sbagliando in altrettante occasioni l’ultimo passaggio. Al Torino abbiamo concesso poco o nulla. Alla squadra non posso recriminare niente, se non un pizzico di serenità che ci aiuterebbe a fare meglio qualche giocata: la prestazione è stata molto positiva, mi spiace solo per il risultato. Non manca cattiveria, manca solo la tranquillità nel gestire alcune situazioni, ma dobbiamo continuare ad avere la forza di portare avanti il nostro lavoro…’, ha detto Montella dopo la gara contro il Torino.

Il tecnico partenopeo, riferendosi ai fischi dei tifosi, ha affermato: ‘I tifosi fanno bene a fischiare perché vogliono che la squadra vinca: è il loro modo di esprimere disappunto, ma sanno anche loro che i ragazzi in campo hanno messo tutto quello che avevano. E che meritavano di vincere…’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.