Morte di Davide Astori: indagati due medici per omicidio colposo

0
morte-davide-astori-omicidio-colposo

La morte di Davide Astori, avvenuta il 4 marzo 2018 alla vigilia del match tra Udinese e Fiorentina, ha sconvolto il mondo del calcio. A distanza di qualche mese sono stati indagati due medici, di strutture pubbliche, per omicidio colposo. Entrambi, infatti, avevano firmato l’idoneità alle attività sportive del difensore della Fiorentina. Il capitano della dalla formazione viola stava per firmare un nuovo contratto.

Il nuovo contratto (a vita) con la Fiorentina

La morte di Davide Astori è avvenuta il 4 marzo 2018, alla vigilia del match tra Udinese e Fiorentina. Il capitano della viola è morto all’interno della sua stanza d’albergo, durante la notte. I compagni di squadra si erano preoccupati quando, alle 9.30 del mattino – lui che era uno dei primi a presentarsi – il capitano non si era ancora presentato a fare colazione, e cercandolo hanno potuto appurare la tragedia.

Davide Astori si sarebbe legato a vita con la Fiorentina: il difensore ex Cagliari e Roma era diventato capitano dopo i tanti abbandoni in estate, ed era pronto a firmare un contratto che l’avrebbe trattenuto in Toscana fino alla fine della sua carriera. 

Indagati due medici per omicidio colposo di Davide Astori

La procura di Firenze ha emesso due avvisi di garanzia nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di Davide Astori della Fiorentina. Due medici sono stati indagati per omicidio colposo, a seguito della firma per l’idoneità all’attività agonistica.

Entrambi i medici, uno di Firenze e l’altro di Cagliari, fanno parte di strutture pubbliche, e avevano firmato l’idoneità nonostante la presenza di extrasistole ventricolari riscontrate negli esami da sforzo del capitano della Fiorentina.

Piperina e Curcuma in OFFERTA, Pagamento alla consegna GRATIS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.