Mostro di grasso svelato al museo londinese: disgusto e fascino

By | 16 febbraio 2018

mostro-grasso-Londra-fatbergSe non avete uno stomaco forte, o semplicemente vi impressionate molto, forse non dovreste recarvi a Londra per vedere fatberg, o meglio l’ultimo pezzo del ‘mostro di grasso’ tossico rinvenuto nelle fogne londinesi. Tale oggetto nauseabondo è stato allestito in un museo e si potrà osservare fino al prossimo luglio. L’ammasso di grasso e sudiciume un tempo pesava 130 tonnellate e si estendeva per oltre 250 metri. Adesso tanti studiosi e il personale del Museo di Londra hanno conservato la massa di grasso, pannolini, salviettine umidificate, preservativi e olio. Un mix veramente nauseante.

Allestito dietro una vetrina sigillata

Un membro della Thames Water ha voluto mettere in mostra il ‘mostro di grasso’ per sensibilizzare i londinesi sull’aumento dei fatberg nelle fogne. Sono oggetti che ‘odorano di carne in putrefazione mescolata con l’odore di una toilette puzzolente’. La mostra Fatberg!, aperta da pochi giorni, narra la storia del duro lavoro (durato 9 settimane) per rimuovere la massa di grasso e il viaggio dalle fogne vittoriane di Whitechapel al posto in cui si trova attualmente, ovvero dietro una vetrina sigillata.

Fatberg: disgustosi e affascinanti

Chi visiterà la mostra potrà apprendere come gli studiosi hanno esaminato il mucchio di grasso per conservarne una parte, ossia la porzione in mostra. In mostra anche le divise e le attrezzature usate dagli operai per lavorare nelle fogne ed estrarre il ‘mostro di grasso’.

Il curatore della mostra, Vyki Sparkes, ha detto: ‘È importante mostrare cose che riflettono gli alti e bassi della vita in città. I fatberg sono cose disgustose e affascinanti che segnano un momento particolare nella storia di Londra, creato da persone e aziende che scartano spazzatura e grasso che il sistema fognario vittoriano di Londra non è mai stato progettato per affrontare’.

Becky Trotman di Thames Water ha spiegato che la mostra rappresenta anche una raccomandazione ad aver cura del sistema fognario londinese e non alimentare i ‘mostri di grasso’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.